Altamura contro il racket

Con delibera di Giunta n. 154 del 2 Dicembre il Comune di Altamura ha deciso di aderire all’Associazione Antiracket Puglia, associata alla FAI (Federazione antiracket italiana), per “rendere più incisive le azioni e le iniziative dell’Amministrazione Comunale”. “Tale azione positiva concorrerà anche a promuovere una cultura della legalità e a portare a conoscenza della cittadinanza il fenomeno dell’usura contraria all’ordinato sviluppo economico e sociale della nostra città”, si legge in un altro passaggio della delibera.

L’Amministrazione ritiene che “il rapporto sinergico tra amministrazioni locali, rappresentanze sindacali, imprenditoria, politica e la rete delle associazioni e dei cittadini è la risposta forte che porta a rompere l’isolamento delle forme di illegalità diffusa e alla denuncia convinta delle sacche malavitose presenti nel territorio”.

La Giunta-Stacca ha deliberato in tal senso in aggiunta al provvedimento di adesione al progetto della Caritas diocesana per la realizzazione di uno Sportello antiusura.

Con l’Associazione Antiracket sono già state organizzate delle iniziative congiunte tra cui una campagna di affissioni per invitare le vittime delle estorsioni a denunciare i loro aguzzini mettendoli a conoscenza dell’esistenza di provvidenze statali per far ripartire l’attività economica.

L’adesione all’Associazione Antiracket Puglia sarà formalizzata con provvedimento del Dirigente del IV Settore, Giulia Bottalico.

Il sindaco Mario Stacca ed il presidente dell’Associazione Antiracket Renato De Scisciolo, concorderanno a breve le prime iniziative comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *