Amii Stewart con l’Orchestra della Magna Grecia in concerto

Mercoledì 16 agosto appuntamento con la grande musica internazionale a Monopoli in Piazza Vittorio Emanuele: Amii Stewart in concerto con l’Orchestra ICO “Magna Grecia” diretta dal maestro Antonio Palazzo.
Unica tappa in Puglia del concerto più atteso dell’estate prodotto in esclusiva per la città di Monopoli in occasione del Novecentenario dell’approdo dell’Icona della Madonna della Madia: sul palco di una delle più grandi piazze d’Europa si esibirà la straordinaria interprete americana Amii Stewart, con una voce graffiante e una presenza scenica magnetica, accompagnata dall’Orchestra ICo “Magna Grecia” diretta dal maestro Antonio Palazzo. Cinquanta musicisti con un programma ricco di successi evergreen conosciuti e amati dal pubblico di tutte le età: un viaggio affascinante dal pop al jazz, dalla musica d’autore italiana al rock, con “tributi” a grandi autori e gruppi come i Beatles, Ennio Morricone, Neil Diamond, George Benson, Luis Bacalov, Ivano Fossati, Duke Ellington, i Police e Lucio Dalla.
Amii Stewart canterà con la sua splendida voce “Se non avessi più te”, “Your song”, “Me And mister Jones”, “Metti una sera a cena”, “Caravan”, “It don’t Mean a Thin”, “Every breath You take”, “Caruso”, “September morn”, “Il segreto del Sahara”, “The long and winding road”, “Oh che sarà”, “Satin Doll”.
Diventata famosa in tutto il mondo alla fine degli anni Settanta con il singolo “Knock on Wood” di Eddie Floyd, Amii Stewart è universalmente riconosciuta come una delle principali interpreti del genere pop. La sua carriera è stata costellata da grandi successi, anche collaborando con altri artisti di successo, come Dee Dee Bridgewater, Eros Ramazzotti, Mike Francis e Gianni Morandi che l’ha voluta nel suo concerto all’Arena di Verona.  Nel 1993 Amii Stewart è stata uno dei dodici artisti scelti da tutto il mondo per cantare per il Papa ne “Il concerto di Natale del Vaticano”, evento trasmesso in mondovisione, l’unica ad essere poi confermata anche per l’edizione dell’anno successivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *