Arcelor Mittal, Perrini: “Inquinamento a Taranto non è cambiato”

“Oltre il danno la beffa! ArcelorMittal non solo inquina come e quanto prima, ma non ha portato nessun beneficio all’economia locale e pugliese. E così i tarantini sono beffati due volte, la prima per le condizioni ambientali e di salute nelle quali sono costretti a vivere a causa dell’inquinamento provocato dall’acciaieria, la seconda dovendo assistere all’arricchimento di aziende del Nord che vengono chiamate anche dalla nuova proprietà per alcuni lavori che devono effettuarsi nel siderurgico”. Questo il commento del consigliere regionale di Direzione Italia Renato Perrini, sulla situazione del sito industriale di ArcelorMittal a Taranto.
“Privati di salute e di soldi. Dopo la mia ultima interrogazione è apparso a tutti chiaro che i rapporti fra Regione Puglia e Acelor Mittal sono pari a zero. L’assessore allo sviluppo economico, Borracino, è stato chiaro quando ha parlato di decarbonizzazione e abbassamento dei livelli di inquinamento, condizioni che vengono poste per intraprendere qualsiasi tipo di contatto. – continua Borraccino – Ma nel frattempo? C’è bisogno di un’azione sinergica che smuova questa stasi che è un danno per tutto il territorio, ma anche per tutta la Puglia. Di qui il mio appello a tutta la politica regionale, alle associazioni di categoria, Confindustria e sindacati in testa, ma anche a tutti i movimenti per attivare qualsiasi azione utile per costringere la nuova proprietà dell’ex Ilva a collaborare con le istituzioni e partenariato sociale pugliese”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *