Ascensori fuori uso, continua l’odissea al ‘Perrino’ di Brindisi

Una storia che si ripete, quella degli ascensori installati presso l’ospedale Perrino di Brindisi. Ben due, ieri, erano fuori servizio, con conseguenti nuove segnalazione da parte degli utenti, costretti a fare sino a dieci piani a piedi. Oppure, come è accaduto ad una cittadina, che ha tentato invano di prendere uno degli ascensori per salire una pesante sedia a sdraio per poter fare il turno di notte a sua nonna ricoverata. La donna, dopo diversi tentativi, ha deciso di salire 4 piani a piedi, caricandosi sulle spalle la sedia.
“Erano le 17 di ieri – ha raccontato – ero al primo piano, ma i due ascensori non funzionavano. Mi sono recata all’ufficio Logistica per segnalare il guasto, ma mi hanno riferito che non potevano aiutarmi e che non era loro compito chiamare nessuno. Poi mi sono rivolta alla cassa del ticket ma anche lì mi hanno detto che non potevano raccogliere la mia segnalazione e che i responsabili preposti sapevano già del guasto. Così mi sono rassegnata.”
Quella degli ascensori guasti al ‘Perrino’ è una storia che dura da oltre un anno e mezzo, tra ascensori rotti e ipotesi di sabotaggio con tanto di esposto della vecchia dirigenza Asl alla Procura di Brindisi.
Dall’azienda sanitaria locale fanno sapere che si tratta di lavori di manutenzione che si sta provvedendo a migliorare la struttura degli ascensori e che i disagi momentanei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *