Assegno di cura, Ruggeri assicura massimo impegno e replica al M5S

L’attenzione verso gli ammalati e le categorie più fragili è massima, soprattutto in questo particolare momento di emergenza sanitaria. La Puglia è una delle poche Regioni che continua a garantire un assegno di cura per l’assistenza ai malati gravissimi. Piuttosto che continuare con le polemiche da campagna elettorale, i consiglieri del M5S intervengano sul
Governo Conte, di cui fanno parte, affinché assicuri maggiori risorse da destinare agli assegni di cura”.
L’assessore al Welfare Salvatore Ruggeri replica alle parole del consigliere del M5S Antonio Trevisi. “Non ricordo di avere mai ricevuto proposte concrete da parte dei consiglieri del M5S e soprattutto da parte del consigliere Trevisi”, sottolinea l’assessore Ruggeri. “Al contrario appare molto concreto il nostro impegno. Anche quest’anno, infatti, siamo riusciti a mettere a disposizione ben 38 milioni e mezzo di Euro, 13 e mezzo in più rispetto a quelli inizialmente stanziati, allargando la platea degli aventi diritto da 3300 a circa 7000. Non siamo mai stati sordi verso il grido di dolore che si leva ogni giorno da questi ammalati e dalle loro famiglie e
non vogliamo lasciare nessuno indietro o escluso. La proposta fatta alle associazioni di ridurre l’assegno di cura da 900 a 600 Euro non accolta, ci ha spinto ad allungare i tempi per tentare di reperire nuove risorse e accontentare tutti. Un impegno notevole che siamo pronti a rivedere nel momento in cui ci sarà una maggiore disponibilità da parte del Governo centrale. Voglio ricordare che il Presidente del Consiglio Conte a settembre ha garantito che avrebbe pensato alla Puglia e dato risposte importanti. L’auspicio, quindi, è che i consiglieri 5 Stelle possano e vogliano intercedere e quindi assicurarci presto una maggiore dotazione finanziaria per rispondere alle aspettative dei tanti malati gravissimi della nostra regione verso i quali mai siamo stati e mai saremo insensibili”.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *