Autilio incontra i giovani italo-argentini

svolgono attività di studio nel settore dell’apicoltura e di attività agricole e sono esponenti di associazioni di volontariato e di cultura. Questi hanno chiesto informazioni su come attuare programmi di cooperazione tra associazioni di emigrati lucani in Argentina, di seconda e terza generazione, ed istituzioni. Ciò anche al fine di rafforzare i legami culturali”.
Il vice presidente del Consiglio ha ribadito “l’attenzione della Regione, anche attraverso la Commissione dei Lucani all’estero, nei confronti della numerosa comunità di lucani in Argentina e nei Paesi latino americani e l’attuazione di misure per gli emigrati che decidono di rientrare nei paesi di origine”. “I nostri emigrati – afferma Autilio – sono una risorsa importante, tanto più che rappresentano circa il doppio dei residenti nella nostra regione, una risorsa che intendiamo valorizzare con progetti e programmi specifici considerandoli gli autentici ambasciatori del ‘made in Basilicata’. Quanto ai giovani è essenziale invogliarli a conservare l’uso della lingua italiana e a tornare in visita nei paesi di origine dei propri genitori o nonni per rinsaldare le radici culturali e le tradizioni”. Tra i programmi di cooperazione, oltre allo scambio di ospitalità tra giovani e famiglie della Basilicata e di italo-argentini, Autilio ha rilanciato programmi di iniziative tra l’Università lucana e quella di Buenos Aires.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *