Bari ospiterà i campionati assoluti di karate

Il Karate è un’arte marziale sviluppata nelle Isole Ryukyu, (oggi Okinawa), in Giappone. Fu sviluppato dai metodi di combattimento indigeni chiamati: te (手, letteralmente: “mano”) e dal kenpō cinese. Prevede la difesa a mani nude, senza l’ausilio di armi, anche se la pratica del Kobudo di Okinawa che prevede l’ausilio delle armi tradizionali (Bo, Tonfa, Sai, Nunchaku, Kama) è strettamente collegata alla pratica del Karate. Attualmente viene praticato in versione sportiva (privato delle sua componente marziale e finalizzata ai risultati competitivi tipici dell’agonismo occidentale) e in versione arte marziale tradizionale per difesa personale. Nel passato, era studiato e praticato solo da uomini, ma col passare dei secoli anche le donne si sono avvicinate a questa disciplina. Dopo circa dieci anni dall’ultimo coinvolgimento nell’ambito di un evento sportivo di importanza nazionale, la Puglia avrà il piacere di ospitare i “Campionati assoluti di Karate kumite”, patrocinati dal Comune e Provincia di Bari, Regione, Coni, A.n.s.m.e.s. e Unione nazionale veterani dello Sport. La competizione, giunta ormai alla 46esima edizione per il settore maschile ed alla 29esima per quello femminile, si svolgerà presso il Palaflorio di Bari nelle giornate del 26 e del 27 febbraio e vedrà in gara circa 700 atleti provenienti da tutta Italia, tra cui gruppi sportivi militari ed i campioni pugliesi. La macchina organizzativa dell’intera manifestazione è affidata alla FIJLKAM Puglia (Federazione Italiana Judo Lotta Katate Arti Marziali), nella fattispecie ad un lavoro sinergico fra i responsabili interni del settore karate dell’associazione: Giuseppe Pellicone (vice presidente nazionale del settore karate), Giovanni Barbone (delegato federale e consigliere nazionale e presidente commissione ufficiali di gara), Sergio Donati (presidente della commissione scuola e promozione sett. karate), Roberto D’Alessandro (componente commissione scuola e promozione sett. karate e presidente del comitato organizzatore del campionato del Mediterraneo), Sabino Silvestri (vice presidente comitato Puglia settore Karate) e Saverio Patscot (presidente comitato regionale Puglia Fijlkam). Presente alla conferenza stampa di presentazione, tenutasi questa mattina, l’assessore regionale allo sport Maria Campese, la quale si è mostrata soddisfatta ed orgogliosa per quest’opportunità, offerta alla nostra Regione, di spiccare anche grazie a discipline così lontane dalla cultura italiana, eppure molto in voga negli ultimi anni tra i giovani. “I Campionati italiani di karate – ha dichiarato la Campese – sono un evento importante per la città di Bari e per la nostra Regione. Si tratta di un’occasione per la diffusione e la conoscenza di questa disciplina orientale che, al pari delle altre, contribuisce allo sviluppo psicofisico di coloro che la praticano”. La vera novità dell’evento, che ne farà una vetrina importante non solo per quanto riguarda lo sport bensì anche di promozione sociale, sta nei partner istituzionali ufficiali: Fidas (grazie alla Presidente Puglia, dott.ssa Rosita Orlandi ), Unicef (con il prezioso contributo dell’ Avv. Katia Di Cagno, vice presidente nazionale Unione Nazionale Camere Minorili) e WWF (nella persona del Presidente Puglia, avv. Antonio De Feo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *