Bilancio positivo per ‘Alleva Expo Sud’

‘Alleva Expo Sud’, la manifestazione sulla zootecnia e l’agroalimentare dell’Associazione Regionale Allevatori della Basilicata che ha visto a Matera la presenza di allevatori di tutto il Sud d’Italia, si è chiusa con un bilancio estremamente positivo. La straordinaria partecipazione di pubblico è stata superiore alle aspettative in tutte le fasi dell’evento, unita anche all’ordinato svolgimento della manifestazione. Ampio è stato il consenso degli addetti ai lavori e delle istituzioni coinvolte, così come costante si è dimostrata l’attenzione da parte degli organi di stampa che hanno documentato e promosso l’iniziativa sia a livello regionale che nazionale.
“Un pezzo qualificato del mondo zootecnico e rurale, lucano e del Sud, con la sua fatica e la sua cultura si è esposto all’attenzione della città Capitale Europea della Cultura 2019 con la semplicità e l’orgoglio di chi è abituato a lavorare duramente, con un risultato indubbiamente positivo, che sarebbe stato impossibile raggiungere senza il prezioso contributo di Istituzioni ed Enti vari, come già abbiamo avuto modo di evidenziare”, ha detto il presidente dell’ARA, Palmino Ferramosca.
“ARA, come piccolo gesto di riconoscenza, raccogliendo un’esigenza, ha provveduto a curare tutte le aiuole dell’istituto ‘Loperfido-Olivetti’, restituendo così l’area utilizzata in condizioni migliori di quelle nelle quali gli era stata consegnata. – ha continuato Ferramosca – Ed è esattamente ciò che accadrà per l’area verde di Via Aldo Moro, messa a disposizione dall’Amministrazione Provinciale di Matera, su cui sono state installate le strutture della fiera; essa verrà restituita nelle migliori condizioni, poiché provvederemo doverosamente a curare tutto il terreno ed a sistemare il vialetto centrale nelle parti che erano dissestate. Lavori che sarebbero stati già completati ma che, a causa della copiosa pioggia caduta in questi giorni, stanno subendo purtroppo dei rallentamenti.  Rimane nostro impegno a completarli nel più breve tempo possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *