Boom di fedeli a Bari per la festa in onore di San Nicola

Fervono già i preparativi a Bari per onorare San Nicola. Martedì 6 maggio sono previsti addirittura quasi 10mila pellegrini; gruppi organizzati provenienti da Giugliano (Campania), Castelpeloso e Monteodorisio (Molise), che macinano tantissimi chilometri in nome della devozione per il santo patrono barese.
“Ci stiamo già organizzando per accogliere i fedeli nel migliore dei modi – ha detto Matteo Siciliano, coordinatore del comitato ‘San Nicola’ – Il fascino di San Nicola, della sua storia, dei suoi miracoli, della sua carità, richiama ogni anno migliaia di pellegrini da tutto il Sud Italia. E’ una devozione che si tramanda di padre in figlio”. Nel frattempo, domenica c’è stata l’esposizione del santo presso la Basilica cittadina, seguita, nella giornata di ieri, dalla celebrazione eucaristica presso il porto, dove poi, di fronte al palazzo della Capitaneria, è stato effettuato il sorteggio dei due motopescherecci che porteranno la statua e il quadro a mare.
Un rito, quello della processione in mare, che rischia di scomparire: lo scorso anno i candidati sono stati soltanto tre (la metà della flotta peschereccia più imponente). La pesca d’altura è un mestiere che nel capoluogo pugliese sta pian piano scomparendo. Di contro, invece, sono numerosi i gozzi di piccole dimensioni, tagliati fuori dal sorteggio, perché per condurre la statua a bordo, insieme ai rappresentanti del clero e delle istituzioni, servono natanti di una certa stazza.
A livello organizzativo, le celebrazioni per l’edizione 2014 non prevederanno le note della cassarmonica, che non sarà presente nè in piazza Mercantile né sul piazzale della Basilica. Confermati, invece, il lancio delle diane e i fuochi d’artificio, che danno colore alla festa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *