Brindisi, donna disabile costretta in casa a causa dell’ascensore rotto

L’ascensore è rotto ed il condominio non ha i soldi per ripararlo, e così Kate, 48 anni disabile sulla carrozzella e senza una gamba, è prigioniera in casa propria. Kate Trotto abita in via Don Guanella, nel quartiere Cappuccini di Brindisi, lo stabile è di proprietà del Comune al quale versa un canone mensile. Kate paga anche il condominio, ma è costretta a stare in casa h24 perchè l’ascensore è danneggiato, i pulsanti sono rotti tranne per il numero 0 ed il -1.
“Io abito al secondo piano, nelle mie condizioni devo utilizzare l’ascensore se voglio uscire da casa anche solo per fare la spesa. – ha detto – Scendendo non ho problemi, ma quando rientro salire diventa un’impresa. Devo sperare che ci sia qualcuno nel palazzo che mi faccia la cortesia di chiamare l’ascensore dal secondo piano con me dentro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *