Campagna di sensibilizzazione sull’abuso di alcolici, la Basilicata tra le Regioni a maggiore impatto

“Alza la testa, non il gomito”: si chiama così il progetto attuato dal Centro di Riferimento Alcologico di Chiaromonte dell’Azienda Sanitaria Locale di Potenza della regione Basilicata e destinato ai ragazzi delle scuole superiori di Lagonegro e Maratea. Un progetto finalizzato a sensibilizzare le giovani generazioni sulla problematica dell’abuso di alcol e sulla prevenzione della dipendenza da sostanze alcoliche. Il programma è stato sviluppato nel mese di aprile che è dedicato proprio alla prevenzione alcologica. L’idea di strutturare una serie di incontri con gli studenti adolescenti è nata dall’esigenza di ‘educare’ i giovani a non abusare di bevande alcoliche per evitare l’insorgere di patologie alcol-correlate come l’epatopatia alcolica, il coma etilico ma anche patologie oncologiche come il cancro della bocca e orofaringeo, dell’esofago, del colon retto e del fegato. Non da ultimi, i disturbi psichici e comportamentali. Secondo i dati in possesso del Centro di Riferimento Alcologico, sale l’indice dei giovani che consumano alcol in maniera incontrollata, tanto che la Basilicata si attesta tra le prime regioni a consumo elevato e scende di molto l’età di ‘iniziazione’ all’uso e abuso di alcol che nella nostra regione si attesta intorno ai dodici anni. Mediante la somministrazione di un questionario, il 55% dei 153 giovani di età compresa tra i 14 e i 18 anni che hanno partecipato
al progetto, hanno dichiarato di consumare bevande alcoliche e superalcoliche, mentre il restante 45% consuma bevande analcoliche. Il 2%
dei giovani consuma alcol nella quotidianità, il 32% una o più volte a settimana, mentre il 49% consuma alcolici raramente. Solo il 17% degli
studenti adolescenti delle scuole di Lagonegro e Maratea non fa uso di alcol.
<<Il fenomeno è particolarmente preoccupante- sottolinea il Dirigente del C.R.A. Alberto Dattola- non solo per i danni alla salute che può provocare ma anche perché l’abuso di alcol è spesso causa di comportamenti potenzialmente pericolosi per sé e per gli altri. Non a caso il primato della Basilicata tra le regioni a maggior consumo di alcolici tra i giovani deve preoccupare per i risvolti che potrebbe avere
sull’impatto sociale e sul futuro della salute degli adolescenti>>.
Non sono mancate, durante le giornate di incontro, anche simulazioni mediante l’uso di visori, con cui i giovani studenti hanno potuto percepire la sensazione reale e di pericolo che si prova dopo aver ingerito elevati quantitativi di alcol. Per il Direttore Generale della Asp di Potenza Giampaolo Stopazzolo , <<è fondamentale che iniziative simili si svolgano nel contesto scolastico perché la scuola, assieme alle famiglie, è il primo step per educare alla sana socialità. La scuola è anche luogo privilegiato di ascolto e di individuazione dei disagi
giovanili a cui, anche in collaborazione con l’Azienda Sanitaria potentina, occorre trovare soluzioni che portino i giovani a non autodistruggersi per emulare la massa o per sentirsi adulti. Comportamenti sani- conclude il Dg dell’Asp- permettono alla società di formare i futuri adulti responsabili delle proprie azioni e delle proprie scelte>>.
Per il Direttore Sanitario della Azienda Sanitaria di Potenza, Luigi D’Angola, tali iniziative sul territorio lucano sono utili per sradicare quella cultura del bere che si sta diffondendo tra i giovani e che segue sempre più insegnamenti errati che incitano al “bringe-drinking” cioè al ‘bere per ubriacarsi’ che crea nell’adolescente una interconnessione malata tra il bere per sentirsi disinibito e il bere per sentirsi integrato nella società che lo accoglie. Occorre sensibilizzare costantemente i nostri giovani- aggiunge D’Angola- affinché comprendano i danni provocati dall’alcol che non sono solo legati alla salute intesa in senso stretto, ma anche all’incolumità propria e altrui>>. L’impegno della Direzione Sanitaria sarà nell’immediato futuro quello di estendere iniziative di prevenzione simili su tutto l’ambito provinciale della Asp <<per
far sì che le iniziative che oggi riguardano solo le scuole superiori di Lagonegro e Maratea- conclude il Direttore Sanitario- costituiscano un valido spunto per una maggiore capillarizzazione e presenza sul territorio provinciale. Tanto, nella convinzione che un’efficace azione di prevenzione sia legata ad un’anticipazione degli interventi educativi che andranno ad incidere sull’età di sensibilizzazione verso tali problematiche>>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *