Cinque persone salentine denunciate per furto ed estorsione

Dopo essere stati licenziati, a causa di dissidi privati, da una ditta di proprietà di un imprenditore 64enne originario di Taurisano, in provincia di Lecce, ma operativo in Germania, gli avrebbero rubato una Fiat Panda, all’interno della quale c’erano vari documenti aziendali e due rolex, e poi gli avrebbero chiesto 4000 euro per la restituzione della vettura. Per questo motivo cinque cittadini salentini, tutti di Taurisano, di 66, 61, 24, 42 e 34 anni, sono stati deferiti a piede libero dai Carabinieri con le accuse di furto ed estorsione, a seguito della denuncia presentata dalla vittima. In particolare i primi due, ex dipendenti della vittima, dopo la cessazione del rapporto di lavoro avrebbero ricevuto regolarmente le spettanze economiche per le prestazioni effettuate. Il giorno successivo l’auto, la Panda, con targhe tedesche, sarebbe stata rubata, e secondo quanto accertato autonomamente dalla vittima, i due ex dipendenti sono stati fotografati da un autovelox installato all’interno del tunnel di frontiera di San Bernardino, nel Ticino. L’imprenditore avrebbe contattato gli ex dipendenti per la restituzione della vettura ma sarebbe stato minacciato più volte dai compaesani e dai loro tre figli. Inoltre gli avrebbero chiesto la somma di 4000 euro in cambio della restituzione dell’auto. I carabinieri della Stazione di Taurisano, a seguito di diverse perquisizioni domiciliari, hanno trovato nel garage del 42enne la Fiat Panda e gli altri oggetti ricercati che ora dovrebbero essere restituiti al proprietario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *