Commissione Antimafia in Prefettura a Bari

A conclusione delle riunioni della Commissione Antimafia tenutasi al secondo piano del palazzo della Prefettura di Bari, il presidente Giuseppe Pisanu, incontrando i giornalisti ha dichiarato che in Puglia ci sono segnali di “infiltrazioni mafiose nel settore delle energie pulite”.

“Certi criminali – ha spiegato – hanno dimostrato abilità di ricorrere agli intrecci finanziari e societari per muovere i propri capitali, e abilità con cui scelgono i settori più redditizi di investimento. Basti pensare a quello che stanno facendo nel settore della ‘green economy’, delle energie alternative”.

Fra i componenti della commissione Parlamentare Antimafia anche il senatore del Pdl, Cosimo Latronico che dichiara: “Partecipando alla commissione antimafia in Prefettura a Bari con l’audizione dei vertici delle autorità di pubblica sicurezza e della magistratura dei distretti pugliesi, è emersa una puntuale considerazione dei fenomeni criminali e della necessità contestualmente di contrastarli per far crescere quella cultura della legalità che è il vero antidoto perchè la criminalità non si trasformi in mafiosità con sistemi di inquinamento della vita sociale, culturale ed economica del tessuto sociale. Il contrasto a tutte le forme di criminalità rappresenta una consapevolezza che in questi anni ha guidato le azioni del governo per liberare in particolare il Mezzogiorno da un fenomeno che ha condizionato negativamente le prospettive di sviluppo. La forza di contrasto con strumenti sempre più sofisticati all’altezza dell’evoluzione organizzativa dei fenomeni criminali e la crescita di una cultura estranea all’illegalità, sono le frontiere su cui tutti i soggetti che agiscono nei tessuti sociali e nelle sfere educative delle varie realtà, dovranno agire per arginare l’attecchimento di fenomeno degenerativi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *