Confcommercio Basilicata dice ‘no’ al green pass nei ristoranti

“E’ necessario allontanare il rischio dell’introduzione del Green Pass al ristorante, al pub, al bar o comunque in qualsiasi locale di somministrazione cibo e bevande. Per noi sarebbe una “mazzata” dopo la fase di ripresa graduale. Abbiamo chiesto alle nostre imprese di fare un bilancio di questa primo periodo di attività e quali aspettative nutrono nel prossimo futuro”. Lo ha detto Michele Tropiano, vice presidente Confcommercio Potenza, a nome dei titolari di questi esercizi.
“Attualmente circa nove su dieci delle attività intervistate è totalmente aperta, l’8,1% lo è parzialmente, l’1,7% è chiusa ma prevede di riaprire a breve, mentre l’1% ha definitivamente chiuso. Il 22,2% è riuscita ad introdurre o ampliare l’occupazione di suolo pubblico durante la pandemia e il 27,3% possedeva già un dehor, mentre per una impresa su due non è previsto uno spazio esterno. Il 61,4% dispone di uno spazio aperto su area privata. – ha detto Tropiano – Quasi nove imprese su dieci hanno dichiarato di avere ottenuto i ristori messi a disposizione delle imprese del comparto, ma il giudizio sulla loro efficacia è durissimo: il 91,8% li ha ritenuti poco o per nulla efficaci.
Il 2,4% non ha conseguito fatturato nel 2020 e circa il 45% delle imprese ha dichiarato una riduzione di oltre il 50% rispetto al 2019. Mediamente le imprese rilevano una perdita di fatturato del 39% rispetto al 2019.
Ovviamente la situazione ha avuto delle ripercussioni anche in termini di occupazione. ll 50,2% delle imprese ha dichiarato di avere perso alcuni dei propri collaboratori nel corso del 2020, nel 40,3% dei casi si è trattato di personale formato da tempo e nel 9,8% di personale non ancora formato. Attualmente una impresa su due dichiara di avere un numero di addetti inferiore al 2019 e per il 59,2% resterà così per tutto il 2021. Un terzo delle imprese ha ricevuto un aiuto da parte dei proprietari dei locali (riduzione del canone di affitto e/o dilazione dei pagamenti) mentre un altro 33,3% degli intervistati non è stato così fortunato e non ha ricevuto nessuna agevolazione.
Quanto agli aiuti è giudicata molto utile la misura della Regione con la seconda “finestra” di contributi dell’A.P. “Pacchetto Turismo” attraverso l’erogazione di un secondo contributo ad impresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *