Crollo tetto “Palalberti” di Lauria, emanati nove avvisi di garanzia

Prime conclusioni del procuratore capo di Lagonegro, Gianfranco Donadio, e il Pm Rossella Maria Colella, sulla questione del ‘Palalberti’ di Lauria, il cui tetto, lo scorso dicembre, a causa di una tromba d’aria, crollò provocando almeno sei feriti e la morte, successivamente, della dottoressa Giovanna Pastoressa di appena 28 anni. La Procura di Lagonegro, a conclusione degli accertamenti, ha emesso diversi avvisi di garanzia nei confronti di progettisti e costruttori dell’impianto sportivo inaugurato una decina di anni fa.
In totale sono ben 9 gli indagati; le accuse vanno dall’omicidio, al disastro e lesioni colpose. In un solo caso è contestata un’ipotesi di falso ideologico datata 2015. Tra gli indagati figura anche l’ex sindaco di Lauria, l’architetto Gaetano Mitidieri, in veste di progettista e direttore dei lavori, il responsabile del procedimento, l’ingegnere Pasquale Alberti, dirigente del Comune ora in comando alla Regione Basilicata, un ex dipendente Francesco Cerbino, ingegnere in pensione, Francesco Mitidieri di Latronico, architetto libero professionista, che è anche indagato, per falso e l’ingegnere Attilio Grippo. Sul registro degli indagati anche Giacomo De Marco, sindaco di Maierà, in provincia di Cosenza, ed ex amministratore dell’omonima società di costruzioni che realizzò il palazzetto dello sport.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *