Csail-indignati: “Non abbiamo stappato lo spumante, anzi siamo preoccupati”

“Nell’apprendere la notizia sui provvedimenti giudiziari contro due assessori e numerosi consiglieri ed ex consiglieri regionali non abbiamo stappato alcuna bottiglia di spumante e tanto meno contribuito ad inondare facebook di messaggi di felicità. Comprendiamo le ragioni – e quanto afferma il Csail-Indignati Lucani in una nota a firma del presidente Filippo Massaro – di quanti lo hanno fatto perché il malessere sociale ed economico ha superato ogni livello di guardia e di sopportazione dei politici che in qualche modo se la sono cercata. Noi, invece, siamo preoccupati sull’evenienza che la politica regionale non sia capace di uscire da questa situazione che contiene anche un innegabile “attacco” della magistratura. Del resto, come interpretare l’ordinanza che non consente a chi è stato eletto di essere presente a Potenza ai lavori di Commissioni e Consiglio? Sarebbe stato meglio per tutti – dice Massaro – il provvedimento di arresti domiciliari ma non limitare funzioni istituzionali che, piaccia o non piaccia, sono stati i cittadini ad affidare con il libero voto, questa volta oltre che al partito attraverso la preferenza individuale. Quindi delle due l’una: o chi si è macchiato di accuse non può più fare il consigliere oppure se lo può fare deve essere messo in condizione di essere a Potenza. Sia chiaro: questa classe politica e dirigente – continua Filippo Massaro – non c’è mai piaciuta per i comportamenti anche di natura etica dimostrati, oltre che per manifesta e vergognosa incapacità; non a caso da noi non ha mai avuto sconti. Ma, ci chiediamo, nel sistema di democrazia attuale quale possa essere l’alternativa e soprattutto se la fase di ingovernabilità regionale che perdura da troppo tempo sia utile a qualcuno o a qualcosa . Per noi –evidenzia Massaro- non ci sono vie di mezzo: o Governatore e maggioranza esprimono un nuovo esecutivo di governo regionale in tempi rapidissimi oppure si restituisca giustamente ai lucani ogni scelta. Comunque non c’è nulla da gioire: i problemi della sofferenza quotidiana di famiglie, pensionati, giovani, donne non traggono alcun giovamento da una campagna improntata esclusivamente sul sentimento dell’antipolitica. Bisogna ricostruire – conclude Massaro – le condizioni di cittadinanza attiva e di partecipazione della gente alle scelte della nostra regione partendo da chi attualmente in Consiglio non è una “mela marcia” e abbia voglia di metterci la faccia e la responsabilità sia pure con pochi atti concreti prima di realizzare le condizioni di un governo regionale alternativo”.

Filippo Massaro, Csail-Indignati Lucani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *