Csail: “L’“oro blu” ha lo stesso valore dell’”oro nero””

Ci voleva la Giornata Mondiale dell’Acqua per far acquisire agli amministratori locali dei cosiddetti Comuni macrofornitori di acqua che l’ “oro blu” ha lo stesso valore dell’ “oro nero” e che quindi bisogna salvaguardare sorgenti, fiumi e invasi innanzitutto da possibili inquinamenti (innanzitutto per la coesistenza dei pozzi di petrolio  come dimostrano le forme di inquinamento del Pertusillo) e ottenere il massimo dei benefici a cominciare dalle royalties dell’acqua che finisce in Puglia: è il commento dell’ ing. Filippo Massaro del Csail ricordando che dal 2004 il Comitato è impegnato, attraverso una petizione popolare, innanzitutto a sopprimere gli enti inutili che si occupano di gestione, distribuzione delle risorse idriche ad uso civile, agricolo ed industriale, primi fra tutti l’Acqua spa. Specie la Val d’Agri che oltre ai pozzi di petrolio ha importanti sorgenti e l’invaso del Pertusillo non può ripetere la storia delle royalties petrolifere insufficienti e non adeguate a ripagare l’impatCSAIL: “ORO BLU” HA LO STESSO VALORE DELL’ “”ORO NERO”tto di “rapina” sul territorio. E’ evidente che le comunità lucane e, ancor più quelle che hanno nel proprio territorio le sorgenti-risorse idriche – dice l’ing. Massaro – non possono continuare a tollerare questa ennesima situazione di spreco di denaro pubblico voluta dai precedenti presidenti di Giunta (Bubbico e De Filippo). Mentre i consiglieri regionali dell’opposizione sono ancora in letargo, un gruppo di sindaci stanno portando avanti – alcuni con coraggio e impegno veri, altri con comportamenti demagogici – la battaglia per la riduzione delle tariffe del servizio idrico. L’Egrib, il nuovo ente che sta per nascere a nostro parere oltre a semplificare la governace di settore deve garantire maggiori entrate ai Comuni macrofornitori di acqua e bollette ridotte per le comunità che risiedono nei  comuni con sorgenti. D’altronde, la “Zona Franca” che intendiamo e sosteniamo noi del Csail dagli anni ottanta (con la raccolta di circa 30mila firme) è basata oltre che sul vantaggio di approvvigionamento energetico anche su quello dell’acqua per invogliare imprenditori a localizzare investimenti da noi. E non si sottovaluti che tra gli elementi che appesantiscono il fattore competitività dell’industria italiana ci sono propri i costi aziendali con al primo posto energia ed acqua a cui si aggiunge la carenza infrastrutturale che rende più alta la spesa per il trasporto merci e prodotti.  Solo attraverso distretti – continua Filippo Massaro – con un regime no tax e burocrazia zero, come sostiene l’europarlamentare Pittella,  e aggiungiamo con costi energetici e dell’acqua più bassi, agevolazioni fiscali, possiamo sperare di attrarre capitali nazionali ed esteri, arrestando cosi’ il processo di desertificazione industriale denunciato dalla Svimez insieme al divario fiscale tra Sud e Nord.  Noi del Csail – conclude ling. Massaro –  vogliamo, ancora una volta, svegliare dal lungo letargo tutti i politici di ogni grado e colore eletti in Basilicata.  Ci sono soprattutto  gli indicatori economici legati alla disoccupazione, allo spopolamento e aggregando una decina di comuni si raggiunge la soglia demografica richiesta. A questo punto, mettendo da parte le divisioni politiche, gli esponenti lucani di Governo  e i parlamentari della nostra regione,  di intesa con il Governatore e gli europarlamentari devono mettere nella trattativa in atto con il Governo Renzi sulla partita petrolio (Memorandum, royalties, ecc.) anche l’istituzione della “ Zona Franca Val d’Agri-Sauro” . Un’iniziativa che al Governo Renzi con il sicuro benestare dell’Ue già concesso in altre Regioni d’Europa non costa nemmeno un centesimo.

  Filippo Massaro, Csail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *