CSAIL plaude all’iniziativa dell’assessore Ottati

“L’ascolto dell’assessore all’Agricoltura, Michele Ottati, delle esigenze degli agricoltori di Corleto e del Sauro, che risentono direttamente delle attività petrolifere, con gravi danni diretti ed indiretti, proprio come accade ormai da decenni per gli agricoltori della Val d’Agri, è testimonianza di una rinnovata sensibilità sociale ma di voler ridare dignità e attenzione al mondo agricolo che specie nei comprensori Val d’Agri e Sauro è stato sempre considerato subalterno al petrolio”. E’ il commento di Filippo Massaro che a nome del Csail ricorda le proteste, mobilitazioni, azioni svolte a tutela delle aziende agricole e zootecniche del Sauro.

“Quando si arriva persino ad impedire da parte degli automezzi pesanti delle imprese appaltatrici dei lavori del Centro Oli Tempa Rossa l’accesso al proprio terreno – evidenzia Massaro – si calpesta il diritto del cittadino ad esercitare la propria attività lavorativa all’interno della proprietà privata. C’è poi il problema del transito continuo degli stessi automezzi che ha reso impraticabile la viabilità interpoderale, comunale e provinciale e rappresenta un rischio per gli automobilisti. Per questa ragione – continua Massaro – l’impegno dell’assessore Ottati a tutelare le esigenze e la sicurezza degli imprenditori agricoli e degli operatori, che hanno investito lavoro e denaro per realizzare le proprie attività, è destinato a ridare fiducia agli abitanti delle nostre aree interne. Finalmente c’è chi mette ordine negli interessi generali: prima l’agricoltura e dopo il petrolio. Noi lo abbiamo definito : l’uomo giusto venuto da lontano nel momento giusto al posto giusto per risollevare fiducia e aspettative e “ Guai a chi lo sostituisce”. Gli agricoltori – riferisce Massaro – hanno espresso tanta simpatia al punto, in caso di sostituzione per invidia e gelosia da parte della vergognosa casta politica lucana, di promuovere una petizione con la sottoscrizione di migliaia firme.

Filippo Massaro, Csail-Indignati Lucani

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *