Deposito di rifiuti petroliferi al Centro Oli di Viggiano, la Cgil Basilicata chiede chiarezza alla Regione

“La richiesta da parte dell’Eni di realizzare un nuovo impianto di rifiuti petroliferi, pericolosi e non, al Centro Oli di Viggiano, pone una serie di interrogativi cui ci auguriamo la Regione Basilicata inviti la compagnia petrolifera a dare risposte”. È quanto afferma il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa.
“Prima di tutto la richiesta apre all’interrogativo su come, fino a oggi, la multinazionale abbia smaltito i rifiuti derivanti dalla sua attività. – ha detto Summa – Il rischio, anche a seguito dell’inserimento della nostra regione tra i siti ipotizzati per il deposito nazionale di scorie nucleari, cui il sindacato si è già opposto, è che la Basilicata diventi davvero la discarica d’Italia, in un momento particolare per l’economia mondiale, e che porta a pensare che la transizione energetica debba essere veramente un volano di sviluppo del territorio e del Paese, come ci indica anche l’Europa. Chiediamo, quindi, alla Regione Basilicata di fare chiarezza e di convocare al più presto il tavolo della trasparenza, così come richiesto da tempo. Se è vero che entro fine gennaio verrà chiuso l’accordo con Eni per il rinnovo delle concessioni, riteniamo il confronto non sia più rinviabile”, conclude Summa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *