Detenuto cerca di togliersi la vita nel carcere di Brindisi. Provvidenziale l’intervento di un medico

Si chiama Dino Furioso, di professione medico sportivo, ed è stato decisivo nel salvare la vita di un detenuto del carcere di Brindisi. L’episodio è accaduto nella notte tra lunedì e martedì, quando il detenuto ha cercato di impiccarsi. Un suo compagno di cella è andato al bagno ed ha visto il recluso impiccato allo sciacquone del wc con un asciugamano, totalmente cianotico. Immediato è scattato l’allarme agli agenti di Polizia Penitenziaria, che a loro volta hanno allertato il dottor Furioso, che era di turno. Grazie all’intervento del medico, dopo alcuni minuti di massaggio cardiaco e di manovre apprese sui manuali di primo soccorso, il cuore del detenuto ha ripreso a battere regolarmente.
Il gesto è stato accolto con l’applauso delle altre persone che si trovano recluse nella casa circondariale brindisina. Il dottore ha voluto ricordare il tutto con una frase: “La vita va salvata in ogni modo, è questa la missione di ogni medico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *