Donna segregata e maltrattata a Gallipoli. In manette il suo compagno

Chiusa in una stanza, picchiata e minacciata dal suo compagno che le aveva tolto il telefonino inducendola anche a rinunciare a qualsiasi tentativo di chiedere aiuto. Erano queste le condizioni in cui era tenuta una giovane donna che è stata salvata dalla Polizia a Gallipoli.
Dopo aver ricevuto una segnalazione da uno sconosciuto, gli agenti si sono recati presso l’abitazione, scoprendo le condizioni di prostrazione in cui era tenuta la donna. L’hanno trovata chiusa a chiave in una stanza, denutrita e con evidenti ecchimosi sulle braccia, sulle gambe e sul collo. I poliziotti hanno quindi arrestato l’uomo che è ora nella casa circondariale di Lecce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *