Due neo-laureate del Politecnico di Bari premiate al Concorso dei Castelli

Ennesimo riconoscimento per il Politecnico di Bari. Giuditta D’Amico e Giusy Pinto, neo-laureate in Ingegneria Edile-architettura, hanno ottenuto il primo premio nel concorso nazionale ‘Premio di laurea sull’Architettura Fortificata, XV edizione’, bandito dall’Istituto Italiano del Castelli. Le due dottoresse baresi hanno discusso un lavoro su ‘Il Castello Svevo di Brindisi: dall’oblio al recupero dei valori storico-architettonico-sociali’, giudicato il migliore su circa 53 proposte pervenute dai corsi di studio di Architettura e Ingegneria in tutto lo Stivale. La commissione lo ha premiato “per l’approfondito studio storico-architettonico di un complesso monumentale castellano – così recita il verbale – a tutt’oggi poco studiato e per l’interesse, la qualità e la completezza tecnico-funzionale della proposta di nuova destinazione d’uso, capace di coniugare storia e futuro della Città di Brindisi”. L’edificio brindisino, tra le tante opere fortificate in Puglia, è uno degli esempi più interessanti di architettura militare. Il lavoro di ricerca ha fornito un contributo alla conoscenza preliminare del Castello e una proposta per il riuso, compatibile con i valori storico-artistici, capace di assicurarne la sopravvivenza in futuro, in special modo se la Marina Militare, custode del monumento, lascerà la fortificazione dopo 100 anni.

Il castello, attualmente, è in fase di dismissione da parte della Marina Militare, che ha fornito ogni tipo di supporto alle due giovani laureate. Il progetto di restauro del Castello nasce nell’ottica di una necessità ormai non più rinviabile di restituire alla collettività un bene per troppo tempo ignorato. E così, è nata la proposta di sfruttare l’ubicazione del Castello e della città di Brindisi per ospitare nella struttura una vetrina dell’offerta turistico-culturale della Puglia, ideando un percorso di visita che si potesse snodare attraverso i cinque sensi, alla scoperta cioè di ciò che in Puglia si può guardare, ascoltare, assaporare, toccare. Le vincitrici del concorso, Giuditta D’Amico, di Pezze di Greco (BR) e Giusy Di Pinto, di Bisceglie, entrambe di 26 anni, hanno partecipato alla cerimonia di premiazione a Napoli lo scorso dicembre, svoltasi presso la Facoltà di architettura alla presenza di autorità civili, accademiche e dello stesso Istituto Italiano dei Castelli, promotore dell’iniziativa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *