Emergenza cinghiali in Puglia, Coldiretti chiede una stretta sugli abbattimenti

Si torna a parlare di emergenza cinghiali in Puglia. Coldiretti, dopo l’incidente stradale provocato dagli animali nel Foggiano, ha chiesto una stretta sugli abbattimenti di fronte alla proliferazione dei cinghiali, già a quota 250mila unità in Puglia, che rappresentano un pericolo sia per i cittadini che per le attività agricole e rischiano di diffondere la peste suina.
“Sono urgenti interventi decisivi e un’assunzione di responsabilità delle istituzioni regionali. – ha detto Coldiretti – L’invasione di città e campagne da parte dei cinghiali ormai è vissuta come una vera e propria emergenza, tanto che oltre otto italiani su 10 (81%) pensano che vada affrontata con il ricorso agli abbattimenti, soprattutto incaricando personale specializzato per ridurne il numero. I branchi si spingono sempre più vicini ad abitazioni e scuole, fino ai parchi dove giocano i bambini, distruggono i raccolti, aggrediscono gli animali, assediano stalle, causano incidenti stradali con morti e feriti e razzolano tra i rifiuti con pericoli per la salute e la sicurezza delle persone. 
Nelle campagne pugliesi si contano già danni per almeno 20 milioni di euro all’anno per le produzioni agricole”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *