Emergenza Coronavirus: Venosa, pronta a collaborare, rilancia con soluzioni alternative

Ieri mattina, presso la sede del Dipartimento Salute, Sicurezza e Solidarietà Sociale della Regione Basilicata, l’assessore alla Sanità, Dr. Rocco Leone, ha ricevuto il Consigliere Regionale Gianni Leggieri e il Consigliere Comunale di Venosa, con delega alla Sanità, Dr. Squeglia Clemente.

L’Assessore Leone ha paventato l’ipotesi della conversione temporanea del Presidio Ospedaliero di Venosa in “ospedale COVID-19”, in risposta alla richiesta della protezione civile nazionale e della task force regionale.

Tale possibilità potrebbe concretizzarsi esclusivamente in caso di emergenza.

Nell’ospedale di Venosa, infatti, sarebbero previsti 96 posti letto, di cui circa 20 di terapia intensiva e i rimanenti di terapia subintensiva per malati COVID-19, che vi arriverebbero solo dopo la saturazione dei 100 posti letto individuati nell’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera e dei 50-60 posti letto individuati nell’Ospedale San Carlo di Potenza  

Il personale sanitario sarebbe reperito nell’ambito di figure professionali altamente qualificate e dedicate e sarebbe diverso da quello attualmente operante all’interno del POD di Venosa, che risulta prevalentemente specializzato nella gestione delle problematiche della cronicità e delle prestazioni ambulatoriali.

A tal proposito, l’Amministrazione comunale esprime tutte le sue perplessità, che riguardano i limiti strutturali di adeguamento ricettivo e della dotazione organica dell’attuale distretto.

Perplessità che rimandano alla concreta difficoltà di sostenere il rispetto delle caratteristiche strutturali necessarie al contenimento della diffusione di malattie infettive, proprie dei reparti dedicati o l’attuale impossibilità di reperire il personale altamente qualificato o le apparecchiature altamente tecnologiche (come quelle delle terapie intensive).

In aggiunta a queste evidenti contraddizioni, non manca il timore concreto di un possibile smantellamento dell’esistente (geriatria, medicina ordinaria, ambulatori, specialistica, dialisi, ecc.).

Non sarebbe invece più opportuna e di più semplice attuazione, l’ipotesi di far giungere a Venosa quei reparti utili per decongestionare strutture di II livello come il San Carlo o di I livello come l’ospedale di Melfi, entrambi già predisposti alla terapia intensiva?

In questo modo, si potrebbero tutelare molti altri pazienti, affetti da patologie diverse da COVID-19.

L’amministrazione comunale, ben consapevole della gravità della situazione, auspica la piena collaborazione con la Regione Basilicata affinché ogni decisione sia frutto di scelte condivise con il territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *