Endasiadi 2014. La finale nazionale centro-sud nel Parco Appennino Lucano, fra natura e sport

Sabato 24 maggio, nel Bosco Maglie di Grumento Nova , nel cuore del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val D’ Agri Lagonegrese, si è svolta la Finale Nazionale ENDASIADI.
Trecento bambini provenienti dalle regioni del Centro-Sud si sono cimentati nei giochi mentali e motori previsti dal progetto Gioco/Sport per la Scuola Primaria. Un gioco-sport a squadra, ricco di implicazioni formative, che rientrano pienamente nelle finalità educative perseguite dall’ Endas.
I bambini, organizzati in pattuglie miste di sei componenti ciascuna, si sono confrontati nelle diverse stazioni, mettendo in pratica le loro abilità fisiche e mentali attraverso l’esecuzione, in ogni stazione, di due esercizi, uno mentale e uno motorio, basato comunque sull’agilità, sulla coordinazione generale e sulla velocità (staffetta, salto del canguro, tiro al bersaglio, corsa veloce), il tutto ovviamente realizzato nel minor tempo possibile.
Con questo gioco-sport l’Endas intende dare un suo contributo per avviare i bambini ad un razionale passaggio dal gioco allo sport cercando al tempo stesso di individuare le tendenze sportive e le attitudini di ognuno.
Le squadre miste favoriscono senz’altro un’esperienza socializzante, gioiosa, disinteressata e meno carica di tensione e di responsabilità, come avviene invece nelle gare individuali. Il gioco-sport ENDASIADI ha una grande valenza formativa sia dal punto di vista psicomotorio, che intellettuale e cognitivo. Contribuisce, infatti, a promuovere nel bambino fiducia in se stesso, autostima, sicurezza nelle relazioni con i compagni e capacità decisionale. Il gioco di squadra promuove integrazione nel gruppo, amicizia, solidarietà, presa di coscienza del proprio contributo e anche dei propri limiti. Inoltre educa i bambini al rispetto delle regole del gioco e della convivenza civile. Tutto questo gioca a favore di una buona crescita globale del bambino.
Grazie alla collaborazione e alla intuizione del Presidente del Parco, Domenico Totaro, i giochi si sono svolti nello stupendo scenario naturalistico del Parco Appennino Lucano, a breve distanza dagli Scavi di Grumentum, antica città romana, un luogo archeologico che narra una storia di uomini, di battaglie, di politica e di arte.
La città, monumentalizzata a cavallo tra il I sec. a. C. e il I sec. d. C. fu abitata almeno fino al V – VI secolo d. C. L’eccezionalità dello stato di conservazione degli scavi rende Grumentum , insieme a Ostia, Pompei ed Ercolano, una delle poche città romane dalle quali si può evincere in maniera globale l’idea di centro urbano; presenta, infatti, i resti delle mura, dell’acquedotto e del tessuto urbano regolare. Inoltre, sono conservati tutti i monumenti pubblici tipici delle città romane: il foro, la basilica, i templi, la curia, gli edifici per spettacolo (teatro e anfiteatro) e le terme.
Molto importante è l’azione messa in campo dall’Ente Parco dell’Appennino Lucano, il più giovane tra i Parchi italiani, per tutelare e valorizzare il patrimonio archeologico della Val d’Agri, rispettandone i valori paesaggistici, architettonici e storico-artistici. Non solo sport, quindi, ma anche cultura, conoscenza delle bellezze naturalistiche e rispetto per l’ambiente.
Il Presidente Nazionale dell’Endas , Piero Benedetti, presente alla manifestazione, nel suo intervento ha messo in evidenza la validità del progetto ENDASIADI, ritenendolo un percorso di grande valore educativo e di notevole supporto all’azione svolta dalle altre componenti sociali in favore dei bambini.
Ha richiamato l’attenzione di tutti sulla necessità di promuovere sempre di più il dialogo e la collaborazione con le scuole, perché solo unendo le sinergie si può essere costruttivi, efficaci e utili per la società. Molto significativa è stata anche la presenza del presidente regionale del CONI di Basilicata Leopoldo Desiderio, il quale ha espresso grandi apprezzamenti per l’iniziativa ed ha assicurato il suo sostegno e la sua collaborazione anche in futuro. I bambini si sono dedicati ai giochi con gioia trasformando l’appuntamento in una giornata di festa insieme ai genitori e agli insegnanti tra il verde del bosco e le altalene già predisposte.
Importante è stata la presenza e il supporto dei presidenti regionali dell’Endas , Ivo Coppola referente politica dell’ENDASIADI, Gianni Cristofaro, Mario Camera. A conclusione dei giochi è stata stilata la seguente graduatoria:
BASILICATA – al 1° posto con la Pattuglia “FIAMMA” con 33 punti
PUGLIA – al 2° posto con la Pattuglia “TARANTINI” con 24 punti
CAMPANIA – al 3° posto con la Pattuglia “SCENUDDI” con 23 punti
La Pattuglia FIAMMA che ha conquistato il primo posto è costituita da:
MOTTA ANGELO capopattuglia
STOPPELLI GIADA
CAVALCANTE ARIANNA
POTENZA ROCCO
CANOSA FRANCESCO
MASSARO LUIGI
La presidente Regionale dell’Endas Basilicata , Maria Ierardi Motta, a conclusione della giornata ha ringraziato il Presidente Nazionale Piero Benedetti, il Presidente del Coni, Il Presidente del Parco Domenico Totaro, i Presidenti Regionali presenti, i tecnici insegnanti, i genitori, le guardie particolari giurate Endas, i volontari della Protezione Civile Endas che hanno collaborato per la buona riuscita dell’iniziativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *