Energia, la Consulta ‘bacchetta’ la Basilicata

Su infrastrutture energetiche e inceneritori la Consulta ‘bacchetta’ la Basilicata. La Corte Costituzionale ha dichiarato, infatti, illegittime alcune norme della Regione che in materia di energia stabiliscono il termine di 90 giorni per il rilascio o il diniego dell’intesa da parte della Regione e di 60 per l’acquisizione del parere degli enti locali; e sugli inceneritori non rispettano le competenze statali. Lo stabilisce la sentenza 154, relatore Giuliano Amato, depositata oggi. Le norme nel mirino sono contenute nella legge 4/2015 della Basilicata, un collegato alla legge di stabilità regionale, e sono state impugnate dalla Presidenza del consiglio tramite l’Avvocatura generale dello Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *