Federalismo comunale, le tasse dei materani al sociale del materano

La legge n.183 del 12/11/2010 prevede che (anno 2012) i contribuenti possono destinare una quota pari al 5 per mille per le “attività sociali del Comune di residenza”.

Considerato che il 5 per mille dell’IRPEF costituisce un’importante opportunità di finanziamento della spesa sociale sostenuta dai comuni che non grava sui contribuenti.

Considerato che il settore sociale assorbe buona parte delle risorse pubbliche del bilancio comunale (asili nido, mensa scolastica, soggetti in condizioni di povertà, minori in condizioni di disagio familiare, immigrazione, solo per citarne alcuni).

Considerato che si deve fare fronte ad una riduzione delle erogazioni provenienti dalla Regione e dallo Stato.

Considerato che il gettito fiscale proveniente dall’IRPEF del 2010 del comune di Matera è 683.725.047 €, e simulando un reddito medio annuo dei cittadini materani di 22.000 € il gettito potenziale del 5 per mille sarebbe di 750.000€.

Considerato che se tutti i contribuenti materani, in una sorta di federalismo fiscale, destinano il loro 5 per mille al comune dove risiedono, si potrebbero avere, nelle casse comunali, vincolate allo specifico capitolo di spesa “SOCIALE”, circa 750.000 € ANNO!

DESTINIAMO IL 5 PER MILLE DEI MATERANI A MATERA ED A SUOI SERVIZI SOCIALI

Angelo Montemurro – Consigliere comunale PD Matera

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *