Ferdinando Izzo nuovo presidente dell’Ordine degli avvocati della provincia di Matera. Le congratulazioni del Presidente Marrese

“Equilibrio ed esperienza al servizio di tutti gli avvocati del foro di Matera. È quanto potrà dare Ferdinando Izzo da neo presidente dell’Ordine”. Lo sostiene il Presidente della Provincia di Matera Piero Marrese, che esprime le sue congratulazioni al collega Izzo per la recente elezione a capo dell’organo che governa l’avvocatura materana. “Rivolgo il mio più sincero augurio al neo presidente Izzo, del quale nutro una profonda stima a livello umano e professionale, conoscendolo personalmente come collega e concittadino della nostra Montalbano – afferma il presidente Marrese-. Un uomo e un professionista serio di cui apprezzo la cultura e le qualità di mediazione e raccordo, la persona giusta per guidare gli avvocati del foro materano. Sono convinto che l’energia, la passione civile e l’entusiasmo che gli sono propri daranno la spinta in più all’ordine degli avvocati e favoriranno le migliori soluzioni alle problematiche che si affrontano quotidianamente nella vita dell’organo professionale, essendone garante dell’unità”.

Lo sostiene il Presidente della Provincia di Matera Piero Marrese, che esprime le sue congratulazioni al collega Izzo per la recente elezione a capo dell’organo che governa l’avvocatura materana. “Rivolgo il mio più sincero augurio al neo presidente Izzo, del quale nutro una profonda stima a livello umano e professionale, conoscendolo personalmente come collega e concittadino della nostra Montalbano – afferma il presidente Marrese-. Un uomo e un professionista serio di cui apprezzo la cultura e le qualità di mediazione e raccordo, la persona giusta per guidare gli avvocati del foro materano. Sono convinto che l’energia, la passione civile e l’entusiasmo che gli sono propri daranno la spinta in più all’ordine degli avvocati e favoriranno le migliori soluzioni alle problematiche che si affrontano quotidianamente nella vita dell’organo professionale, essendone garante dell’unità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *