Fiat, la Fim chiede la conferma delle pause giornaliere

Incontro tra dirigenti del gruppo Fiat e la Fim (Federazione Italiana Metalmeccanici) presso lo stabilimento “San Nicola di Melfi”; tema, il nuovo modello organizzativo, noto come Ergo-Uas.
Questo modello, introdotto dal Lingotto nel 2008, associa gli esperti ergonomici (cioè, la relazione tra individuo e tecnologia) con la definizione dei tempi e dei ritmi della postazione di lavoro.
Il modello, secondo il progetto della casa madre, sarà esteso a tutti gli stabilimenti d’Italia
A patto che, come afferma Antonio Zenga, segretario generale della Fim – Cisl Basilicata, “siano confermate le due pause da venti minuti ciascuna, come avviene negli stabilimenti di Mirafiori e Cassino”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *