Finita la “ricreazione”, la Casa della Divina Provvidenza versa oltre 24 milioni di euro a fisco, previdenza, Regioni e comuni

Nel mese di Gennaio 2017, il Commissario Straordinario della Casa della Divina Provvidenza, l’Avv. Bartolomeo Cozzoli, ha effettuato pagamenti in favore di Erario, Inps, Regioni e Comuni per oltre 24 milioni di euro; di questi, 1.249.479,22 di euro sono stati versati complessivamente in favore dei Comuni (Bisceglie, Foggia e Potenza) dove sono ubicate le sedi dell’Ente in Amministrazione Straordinaria. Dal 1° gennaio 2017, infatti, la “famosa” norma (art.1, comma 255, Legge 30 dicembre 2004, n.311 e s.m.i.) che, a vario titolo, per circa 15 anni ha consentito alla Casa della Divina Provvidenza di sospendere il pagamento di imposte ed oneri previdenziali (dovuti a Fisco, Inps e Comuni) ha cessato di avere efficacia e quest’anno, Governo e Parlamento non hanno inteso ulteriormente prorogarla , come invece avvenuto in passato.
“Trattasi di un ritorno alla normalità. Dopo un lunghissimo periodo di sospensione -che ha avuto l’indiretta conseguenza di fare aumentare così significativamente il debito dell’Ente- la Casa della Divina Provvidenza, come tutti i contribuenti italiani, dai cittadini alle imprese, riprende a relazionarsi con gli enti impositori e così continuerà a fare. Tra arretrati ed ordinario non è stato facile e non lo sarà ma sono fiducioso che le azioni virtuose poste in essere negli ultimi tre anni siano sufficienti ad assicurare la possibilità di onorare tutti i debiti correnti senza significativi disequilibri nella gestione”. Così l’Avv. Bartolomeo Cozzoli, Commissario Straordinario della Casa della Divina Providenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *