Follia a Montemurro

Domenica 6 Aprile è successo un grave episodio di violenza sui campi di calcio della Basilicata. Campionato di seconda categoria, girone B. Montemurro contro Real Satriano. Una vittoria per il Montemurro significa probabilmente promozione in prima categoria. Tutto fila liscia fino a quando la squadra di casa è in vantaggio due a uno sul Real Satriano. “Al quindicesimo del secondo tempo – ha detto Massimo Cavallo, uno dei calciatori del Satriano – abbiamo pareggiato e sono iniziate ad arrivare le prime avvisaglie di quello che sarebbe successo in seguito: calci e pugni. Dopo poco passiamo in vantaggio e inizia il disastro-Montemurro: la quadra di casa aggredisce la nostra panchina, una cosa inaudita, parte una caccia all’uomo senza esclusione di colpi. Abbiamo in squadra ragazzi adolescenti che sono sconvolti”.

Il bilancio è di cinque contusi più due persone finite all’ospedale con traumi alla testa e al torace. Quattro giorni di prognosi per Gianpaolo Lorenzino, il capocannoniere del torneo, che ha avuto la peggio. Una follia senza alcuna giustificazione. La dirigenza del Real Satriano chiede la radiazione a vita della squadra di Montemurro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *