Forum in plenaria dopo l’assegnazione della Cets al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

parco appennino lucanoÈ stato il primo incontro dopo la notizia dell’assegnazione della Carta Europea del Turismo Sostenibile, che il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano riceverà il 6 novembre prossimo a Bruxelles, presso la sede del Parlamento Europeo. Come quelli che lo hanno preceduto, il Forum in plenaria tenutosi presso la sede del Parco martedì 8 ottobre ha fatto registrare una cospicua partecipazione di amministratori, operatori, associazioni e stakholder, convocati non solo per comunicare ufficialmente l’importante notizia, ma anche per discutere dei prossimi impegni connessi alla certificazione CETS e decidere la tabella di marcia degli incontri. La certificazione ricevuta da Europarc, infatti, “non è solo un risultato importante per il nostro Parco, ma è anche un impegno per tutti noi –ha sottolineato il presidente del Parco Domenico Totaro nel suo intervento- una premessa che ora ha bisogno di una pianificazione puntuale delle azioni da attuare, alcune in capo all’Ente e molte altre di competenza degli operatori privati, delle associazioni e delle amministrazioni”. Per questo il percorso per un turismo sostenibile elevato agli standard europei è ancora tutto da compiere. “Dobbiamo impegnarci di più per migliorare l’offerta dei servizi –ha poi spiegato Totaro. I due punti di forza sui quali costruire il percorso di attuazione della CETS dovranno essere rappresentati dalla divulgazione della straordinaria ricchezza della biodiversità e dalla generosa ospitalità di noi lucani”. Nel corso dell’incontro sono state illustrate le azioni previste dal Piano e dalla Strategia, fondamenti sui quali poggia il percorso della CETS. Tra le azioni già in essere sono stati illustrati i contenuti e i meccanismi del nuovo portale turistico, www.invacanzaneiparchi.it e il Regolamento di Qualità Ambientale che regola l’adesione al Network Turistico Locale. La discussione che si è sviluppata tra i presenti è stata ricca e partecipata. Particolare rilievo ha avuto il tema della mobilità e dell’accesso ai luoghi del Parco da parte di turisti e visitatori. In conclusione si è deciso di dare vita a un calendario di incontri che prevede appuntamenti bimestrali per monitorare lo stato del percorso e degli impegni che prevede la certificazione CETS, con l’attuazione dei principi a cui si ispira la Carta e il Piano delle Azioni previsti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *