Gasdotto Tap, le indagine di Arpa Puglia segnalano acqua e terreni non inquinati

La vicenda del gasdotto Tap si arricchisce di un nuovo elemento. Dalle indagini svolte da Arpa Puglia su Tap, infatti, emerge che acqua e terreni non sono inquinate.
“Dalle attività di campionamento e analisi svolte da Arpa Puglia non si evincono superamenti delle concentrazioni soglia di contaminazione (Csc) fissate dal decreto legislativo 152 del 2006 per le acque sotterranee e per i terreni, sia degli strati superficiali che di quelli più profondi, per tutti i parametri analizzati, compreso quelli individuati nel protocollo operativo (arsenico, manganese, cromo totale, cromo esavalente e Nichel)”, si legge nella nota.
Il Tar Lazio aveva dato incarico ad Arpa Puglia di svolgere gli accertamenti nei terreni dove sorge il cantiere del gasdotto Tap, a San Basilio di Melendugno. La relazione dei tecnici è stata depositata in vista dell’udienza del 5 dicembre quando i giudici dovranno decidere sul ricorso presentato da Tap contro l’ordinanza del sindaco di Melendugno, Marco Potì, che ha vietato il prelievo dell’acqua dai pozzi dell’area del cantiere per un presunto sforamento dei limiti di sostanze pericolose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *