Gemellaggio tra la Fidas della Polizia di Stato di Potenza con la Fidas Valle d’Aosta

I donatori di sangue Fidas della Polizia di Stato di Potenza saranno gemellati ai donatori dell’associazione San Michele Arcangelo Fidas Valle D’Aosta. Lo comunica il presidente della sezione Fidas di Aosta Severino Cubeddu, aggiungendo che la cerimonia si svolgerà sabato 26 marzo ad Aosta, alle ore 17, presso la Sala Hotel des Etats, in Piazza Chanoux 1, durante un incontro pubblico tra donatori e istituzioni in cui si sancirà un forte vincolo di gemellaggio con i donatori di sangue della Fidas Polizia di Stato Potenza. Questa unione sarà anche il motivo per favorire relazioni umane e culturali di solidarietà tra due realtà di donatori di sangue geograficamente lontane ma fortemente legate da un saldo impegno di prossimità. La cerimonia di gemellaggio, che si celebrerà per la prima volta ad Aosta, gode del patrocinio dell’Assessorato regionale alla Sanità, Salute e Politiche sociali della Valle d’Aosta, dell’Amministrazione comunale di Aosta e del Centro servizi al volontariato della Valle d’Aosta. Parteciperanno all’incontro il vice presidente nazionale della Fidas Antonio Bronzino, il tesoriere della Fidas nazionale Patrizia Baldessin, il presidente regionale Fidas della Basilicata Paolo Ettorre, il presidente della Fidas Potenza Salvatore Accardo, il presidente dell’associazione donatori Polizia di Stato Fidas Potenza Salvatore Digirolamo e l’addetto stampa Fidas Basilicata Giovanni Spadafino. Prenderanno parte alla cerimonia di gemellaggio anche il senatore Antonio Fosson, l’assessore regionale alla Sanità, Salute e Politiche sociali della Valle d’Aosta Albert Laniece, l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Aosta Marco Sorbara, il direttore del Simt dell’Azienda Usl della Valle d’Aosta Pierluigi Berti, il vice presidente del Csv della Valle d’Aosta Luigino Vallet, il presidente regionale Fidas della Valle d’Aosta Rosario Mele e il presidente dell’associazione dei donatori di sangue e organi “Silvy Parlato” Fidas Valle d’Aosta Gabriele Scannella. La serata in Valle d’Aosta avrà il suo culmine con un revival di brani tratti dalla tradizione corale valdostana del “Coro Monte Cervino”, diretto dal maestro Adolfo D’Aquino della Sezione Valdostana dell’Associazione nazionale Alpini. “Siamo orgogliosi di questo gemellaggio – ha evidenziato Severino Cubeddu, in un comunicato giunto da Aosta – che sottolineerà l’importantissimo ruolo svolto dai donatori di sangue protagonisti di solidarietà che, insieme ai donatori lucani, stringeranno un patto di sangue per promuovere e diffondere la cultura del dono del sangue, dei suoi derivati e del sangue del cordone ombelicale. Si tratta di un’iniziativa forte, carica di un entusiasmo particolare che speriamo possa coinvolgere i tanti cittadini, giovani e donne valdostane che ancora non sono donatori di sangue”. Per il presidente della Fidas Polizia di Stato Potenza Salvatore Digirolamo, “la proposta di gemellaggio con la San Michele Arcangelo Fidas Valle d’Aosta rappresenta un impegno serio che ci consente di allargare gli orizzonti all’interno della famiglia Fidas e, allo stesso tempo, rappresenta un forte momento di promozione della cultura del dono del sangue e dei suoi componenti”. Digirolamo ha poi spiegato che il gruppo Fidas Polizia di Stato Potenza si è costituito formalmente nel 2008 e che svolge la sua attività nella città di Potenza e, principalmente, fra le donne e gli uomini delle varie Forze di Polizia. “Vengono effettuate quattro giornate di raccolta, programmate nell’anno – continua Digirolamo – per sostenere, con le sacche di sangue, i centri trasfusionali regionali e, in particolare, quello dell’Ospedale San Carlo di Potenza”. Per promuovere la cultura del dono del sangue, sono state messe in calendario iniziative culturali in collaborazione con le altri sezioni Fidas della Basilicata. I responsabili associativi della Fidas Polizia di Stato, inoltre, collaborano attivamente nelle attività formative che la Fidas Basilicata organizza nelle scuole e nei comuni in cui opera sulle tematiche della prevenzione dei comportamenti a rischio nello stile di vita e nelle condotte di guida di veicoli.

Vito Sacco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *