Giorno del ricordo. Io ricordo. E tu?

Dobbiamo dire basta alle omissioni della storia perché lì dove oggi c’è omissione, ignoranza, domani ci sarà una nuova espressione di violenza giustificata.

Le forze politiche del Governo Italiano congiuntamente decidono nel 2004 di istituire la giornata del Ricordo e di favorire, ogni 10 febbraio, “la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende.” (cfr. legge 30.4.04 n.92)

Gli eccidi perpetuati per motivi etnici e/o politici ai danni della popolazione italiana di Istria, Venezia Giulia e Dalmazia durante e dopo la seconda guerra mondiale sono stati ignorati fino agli anni ’90.

Gli eccidi delle foibe avvengono alla fine della seconda Guerra Mondiale per mano dell’esercito popolare di liberazione iugoslava e vengono giustificati come pulizia etnica.

Le vittime sono italiani di Istria, Venezia Giulia e Dalmazia, i cui abitanti per fuggire al massacro saranno costretti poi all’esodo.

Le vicende degli anni Quaranta, le così dette “foibe”, voragini in cui veniva gettata la gente, restano nascoste fino agli anni Novanta; solo allora si inizia ad avere qualche documento in merito.

Ma non è ancora abbastanza.

Non è bastato l’impegno del Parlamento e la testimonianza offerta da centinaia di vittime per cancellare la faziosità della maggioranza dei libri di testo che glissano abilmente questi e altri drammi del Novecento.

L’intento del Comitato 10 Febbraio della provincia di Matera è quello di approfondire l’argomento liberi da pregiudizi e revisionismi scolastici per cui ha organizzato un incontro di approfondimento che si terrà lunedì 20 febbraio presso l’hotel San Domenico alle ore 19.

Interverranno il professor Calbi, docente di storia e filosofia, e il dott. Montemurro, ricercatore di filologia presso l’Università di Bari.

Tutta la cittadinanza è invitata, fiduciosi che il popolo materano sia sensibile alle questioni che riguardano la propria patria e la propria dignità nazionale.

COMITATO 10 FEBBRAIO MATERA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *