Giovani a scuola di integrazione con le Acli

È tempo di bilanci per il progetto “Ragazzo Informa_ti”, nato da un’idea dei Giovani delle Acli di Potenza e del circolo Acli di Muro Lucano e inserito nelle attività del progetto integrato finanziato dalla Fondazione con il Sud per la costituzione del “Polo lucano dell’accoglienza, della cultura e del turismo sociale”. Le attività, che si sono svolte tra Muro Lucano, Bella e Castelgrande dal 4 al 18 agosto, hanno coinvolto circa 60 bambini e 30 giovani animatori delle Acli, impegnati in percorsi ludico-formativi orientati all’aggregazione sociale.

“I ragazzi e le ragazze coinvolti nel progetto – spiega il presidente delle Acli di Potenza, Gennaro Napodano – hanno fatto del gioco l’attività principale e attraverso il gioco hanno sviluppato nuove situazioni di adattamento alla realtà circostante. Grazie al lavoro dei nostri volontari i partecipanti hanno così potuto sviluppare e sperimentare sul campo un nuovo modo di convivere, cooperare e confrontarsi con gli altri e con il prossimo. La nostra intenzione è di integrare il progetto con altre attività formative – aggiunte Napodano – fornendo un contributo sul piano della socializzazione e dell’integrazione, e avrà certamente un prosieguo autunnale e invernale con una serie di laboratori formativi”.

Il progetto “Ragazzo Informa_ti” è coerente con gli obiettivi del progetto integrato per la costituzione del “Polo dell’accoglienza, della cultura e del turismo sociale”, finanziato dalla Fondazione con il Sud, iniziativa che, spiega Napodano, “si prefigge di favorire uno sviluppo sostenibile di lungo periodo consolidando un processo di infrastrutturazione sociale in grado di catalizzare le energie e le risorse di cui il territorio dispone e di convogliarle sulle esigenze reali, focalizzando l’attenzione su un concetto di sviluppo locale ‘pluridimensionale’. Si tratta di una visione innovativa – conclude il presidente provinciale delle Acli – che vuole integrare la dimensione economica con quella sociale: dalla salute, all’istruzione, dai rapporti interpersonali all’ambiente”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *