I cittadini telefonano al Presidente Michele Emiliano e segnalano disservizi al Cup dell’Ospedale San Paolo

Oggi alcuni cittadini hanno segnalato al Presidente Michele Emiliano un grave disservizio al Cup dell’Ospedale San Paolo. In particolare i cittadini hanno segnalato che, mentre erano presenti molti utenti, tutti gli operatori hanno chiuso gli sportelli senza apparente motivo.

L’ASL Bari, su sollecitazione del Presidente, vuole vederci chiaro e, per questo, ha attivato l’Ufficio Provvedimenti Disciplinari.

Sull’episodio che si sarebbe verificato stamane nel Cup del presidio ospedaliero – da una prima ricostruzione pare che gli operatori si siano allontanati dallo sportello mentre dall’altra parte c’era una lunga fila di persone in attesa – la ASL ha prontamente aperto un’inchiesta interna. Raccolte a verbale le proteste e le segnalazioni di alcuni cittadini presenti, la Direzione Generale ha immediatamente affidato la questione all’Ufficio Provvedimenti Disciplinari perché verifichi i fatti e accerti se ci sono gli estremi per una sanzione, così come contrattualmente previsto.

Sul tema è intervenuto il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano: «Non possiamo accettare che i comportamenti inappropriati da parte di qualche operatore allo sportello, di fronte ad una fila di persone in attesa, gettino un’ombra su tutta la Sanità Pubblica e sui tanti dipendenti che quotidianamente fanno il loro lavoro con coscienza e abnegazione. Per questo sono sicuro che la ASL accerterà rapidamente se le lamentele di quei cittadini siano fondate e, nel caso, adotterà i dovuti provvedimenti previsti in questi casi. Abbiamo sempre il dovere di ascoltare i cittadini e, a maggior ragione, dobbiamo farlo ogni qualvolta si verifichi un disservizio. Guardare le cose dal punto di vista delle persone, aiuta chi amministra la cosa pubblica e chi vi lavora a farsi carico della responsabilità di ciò che accade, nel bene e nel male, e quando qualcosa va storto a chiamare in causa le responsabilità di ognuno, perché nessuno può e deve sentirsene sollevato»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *