I comuni del Gargano sud si mobilitano per salvare l’ospedale di Manfredonia

ospedale manfredoniaManfredonia, Mattinata, Monte Sant’Angelo, Zapponeta e Vieste. Quattro comuni, tutti compatti per difendere la salute del territorio. La data cruciale è giovedì 19 settembre, quando ci sarà l’assemblea congiunta con i consigli comunali dei 5 paesi sopra citati, e che si terrà presso la Città del Golfo. Un obiettivo netto e condiviso da tutti: formulare un documento unitario relativo al Piano di riordino sanitario della Regione Puglia. Il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, ha chiamato a raccolta gli amministratori di tutto il Gargano sud per tentare di scongiurare il ridimensionamento dell’ospedale di Manfredonia. Un presidio importante per un comprensorio che va da Zapponeta a Vieste, e che ‘abbraccia’ un’utenza che supera i 100 mila abitanti, e che d’estate si triplica per la presenza di migliaia di turisti.

“Contro il graduale smantellamento del ‘San Camillo de Lellis’ – ha detto Riccardi – ci opporremo in maniera unita e compatta. La regione Puglia ha previsto la riorganizzazione del sistema sanitario sul territorio regionale con il quale opererà una serie di riduzioni delle sedi ospedaliere. E’ inutile stare qui a sottolineare che la rideterminazione della dotazione presso l’ospedale di Manfredonia avrà conseguenze deleterie sul nostro territorio, anche se continuerà ad essere il nostro ospedale. Il ‘nostro’, cioè, inteso come comprensorio di ben 5 comuni a breve distanza uno dall’altro. Un presidio ospedaliero di così tale importanza da non esitare un istante nel proseguire nella rivendicazione di un diritto vitale: la salute”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *