Il comune di Maratea approva il progetto per la costruzione di 9 alloggi di edilizia economica e popolare per dodici famiglie sfrattate

Il Consiglio Comunale di Maratea nel pomeriggio di ieri ha finalmente approvato la variante al programma di fabbricazione vigente che permetterà la costruzione, da parte dell’Ater di Potenza, di 9 alloggi di edilizia economica e popolare, in piazza Europa, da assegnare alle 12 famiglie sfrattate dal rione Giardelli.

Si è trattata di una lunga e impegnativa battaglia portata avanti dalle 12 famiglie e dal Circolo PD di Maratea che in questi due anni e mezzo è sempre stato vicino e supportato le famiglie nella loro giusta rivendicazione di una casa. 

Era il giugno del 2019 quando l’Ufficio Urbanistica e Pianificazione Territoriale della regione Basilicata chiedeva al Comune di Maratea di correggere la delibera, approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale nel 2018, che prevedeva una variante al programma di fabbricazione in modalità semplificata di un’immobile destinato ad albergo per trasformarlo in civile abitazione in cui alloggiare le 12 famiglie sgomberate dagli alloggi Ater del rione Giardelli.  

Da quel momento, insediatasi la giunta Stoppelli nel luglio 2019, sono trascorsi 2 anni e mezzo con decine di lettere scritte dal Circolo PD e dalle 12 famiglie, un incontro con il Prefetto di Potenza avvenuto il 7 luglio 2020, una grande manifestazione di protesta popolare avvenuta il 25 settembre 2020, finchè una denuncia alla Procura della Repubblica di Lagonegro e alla Corte dei Conti di Potenza, nel mese di gennaio 2021, ha finalmente convinto il Prefetto ad intervenire in modo energico sul Sindaco per far avviare la conferenza dei servizi, propedeutica alla approvazione della variante. A seguito dell’approvazione odierna l’ Ater di Potenza potrà iniziare i lavori di costruzione dei 9 alloggi in piazza Europa. 

Resteranno da sistemare ancora 3 famiglie, per le quali abbiamo chiesto, da molto tempo, l’utilizzazione dell’ex macello. L’Ater ha condiviso questa proposta ed ha richiesto, da tempo, lo stabile al Comune ottenendo tante promesse verbali, ma nessun atto formale. Si tratta ora di continuare la battaglia per garantire la casa anche alle altre 3 famiglie che non riusciranno a trovare posto a Piazza Europa e a far continuare ad erogare a tutte e 12 le famiglie il buono affitti liquidato fino al mese di giugno 2021.
Vito Tedesco, Segretario del Circolo PD di Maratea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *