Il diario di Sofia: la storia della Nave degli incanti riparte da Matera

Nell’ambito del cartellone di “Faccio Storie”, rassegna di teatro per l’infanzia e la gioventù a cura di #reteteatro41, la compagnia Gommalacca Teatro di Potenza presenta “Il diario di Sofia”, spettacolo per bambini dagli 8 anni in scena domenica 18 luglio alle ore 18.45 al Borgo La Martella di Matera, presso l’area verde di via Vulture. “Il diario di Sofia”, sviluppo testi e interpretazione di Carlotta Vitale, consulenza creativa di Andrea Ciommiento, spazio scenico di Mimmo Conte, contiene le storie e i personaggi di “Aware – La Nave degli Incanti” di Riccardo Spagnulo, spettacolo teatrale in cinque episodi che nel 2019 ha attraversato la Basilicata da Potenza a Matera a bordo di una nave.

Sofia, la bambina che non vuole dormire, assomiglia a chi prova un grande interesse per le storie che si nascondono nelle memorie dei luoghi e delle persone. In questa nuova forma si racconta tramite il suo diario, così gli spettatori-partecipanti potranno vivere un’esperienza in movimento e scoprire attivamente le storie di persone, cicogne, gatti, pesci, maestri, taglialegna, incantatrici, alchimisti e altri personaggi fantastici.

“Il diario di Sofia” nasce dal progetto di arte partecipata “Aware – La Nave degli Incanti”, ideato da Gommalacca Teatro e co-prodotto con la Fondazione Matera-Basilicata 2019. Il progetto si è misurato con l’ideazione – in co-creazione con 423 tra cittadini, ricercatori, artisti e tecnici – di un’opera d’arte su ruote a forma di nave, ispirata all’imponente manufatto di cemento che sorge tra i palazzi del rione Cocuzzo di Potenza, progettato dall’archistar Enric Miralles e da tutti chiamato “la nave”. Il simbolo di un tentativo fallito, di un’opera architettonica statica e non percepita come spazio da abitare, che si mette in movimento attraverso i paesaggi, le comunità e le storie della Basilicata, per scoprirne l’identità contemporanea, multiforme e in continuo mutamento.

Con “Il diario di Sofia” prosegue il lavoro di ricerca artistica e pedagogica che Gommalacca porta avanti da oltre dieci anni, utilizzando le pratiche e i significati dell’arte performativa come strumento di attivazione e innovazione sociale dei contesti in cui opera: luoghi spesso periferici e marginali rispetto ai grandi centri di produzione culturale. La storia di Sofia riparte proprio da Borgo La Martella, lì dove si era concluso “Aware – La Nave degli Incanti”: un luogo “altro” e dal carattere rurale, che come tale può raccontare una molteplicità di storie ed esperienze attraverso la voce dei suoi abitanti. Lo spettacolo si nutrirà degli stimoli e degli elementi raccolti nel territorio nelle sue diverse tappe, che dopo Matera toccheranno Satriano di Lucania il 5 agosto e Potenza il 2 settembre, cambiando di volta in volta la sua forma.

Il pubblico di bambini e genitori che assisterà a “Il diario di Sofia” sarà tenuto dentro lo spettacolo in forma attiva, in una dimensione partecipativa e laboratoriale di confronto tra attori e fruitori, che saranno chiamati a fare cose, a dare risposte, a lasciare una traccia di sé. Allo stesso tempo Gommalacca Teatro ha aperto dei focus presso il suo spazio teatrale U-Platz, coinvolgendo bambine e bambini dai 7 ai 13 anni in un lavoro di dibattito sulla storia di Sofia propedeutico allo spettacolo. Perché Sofia non è mai stanca di ascoltare e di dialogare con tutti, grandi e piccoli, e il viaggio della Nave degli Incanti non si ferma mai, proiettato all’infinito verso il futuro.

Per assistere allo spettacolo “Il diario di Sofia” è obbligatoria la prenotazione sul sito www.reteteatro41.it. Per informazioni sono disponibili il numero 392 7431124, attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13, e l’e-mail reteteatro41@gmail.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *