Il Matera impatta al ‘XXI Settembre’ contro la Fidelis Andria

Matera-Fidelis Andria 0-0
MATERA: Bifulco, Di Lorenzo, Tomi, De Rose, Ingrosso, Matteo Piccinni, Carretta (78’Rolando), Casoli, Infantino, Armellino (88’Albadoro), Letizia (66’Iannini). A disp.: Biscarini, Meola, Scognamillo, Zaffagnini, De Franco, Zanchi, D’Angelo, Pagliarini, Gammone. All. Padalino
FIDELIS ANDRIA: Poluzzi, Tartaglia, Cortellini, Aya, Ferrero, Stendardo, Onescu, Marco Piccinni (64’Capellini), Grandolfo (80’Kristo), Bisoli, Cianci (50’De Vena). A disposizione: Cilli, Vittiglio, Paterni, Bollino, Matera, Alhassan, Garcia, Dellino. All. D’Angelo.
Arbitro: Antonio Giua di Pisa
Assistenti: Massimo Manzolillo di Sala Consilina e Giuseppe Scarica di Castellammare di Stabia.
Ammoniti: Cianci, Cortellini, De Vena, Armellino e Piccinni Matteo

Finisce 0-0 il posticipo tra Matera e Fidelis Andria, valido per la 19esima giornata del girone C della Lega Pro. Al ‘XXI Settembre’ la formazione di casa sbatte contro il muro andriese, che si conferma il migliore del girone (10 reti subite dalla compagine di D’Angelo). Gara che entra subito nel vivo, con una punizione di Armellino al 12’ che non sortisce effetti sperati. Un minuto dopo rapida azione del Matera, con Infantino che serve Carretta sulla destra, ma il tiro dell’attaccante viene respinto da Polizzi, sul ribaltamento di fronte è Tartaglia ad impegnare Bifulco. Passano due minuti e Cortellini sferra un violento tiro di sinistro che Bifulco tocca di quel tanto che basta per far rimbalzare la palla sulla traversa e poi in corner. Il Matera risponde con il contropiede di De Rose che lancia Infantino, ‘dai e vai’ con Carretta, ma il tocco al volo del centravanti è da dimenticare. E’sempre Carretta ad impensierire la difesa ospite; al 27′ Casoli ci prova dal limite, la deviazione favorisce Carretta che prova il diagonale sul secondo palo, palla di poco fuori. Al 40’ l’esterno materano prova a sorprendere Polizzi con un pallonetto dai 30 metri, ma la palla sorvola la traversa.
Nella ripresa la prima occasione da rete è di Tomi, ma Polizzi è attento. D’Angelo richiama Cianci e inserisce De Vena, ma il Matera insiste e reclama un rigore apparso evidente per una spinta di Aya su Infantino. La gara scorre senza particolari sussulti sino all’83’, quando Aya sfiora il palo di testa sugli sviluppi di un corner. Padalino inserisce Albadoro per dare peso all’attacco nelle battute finali, ma il risultato non si sblocca.
Finisce 0-0, un punto che accontenta maggiormente l’Andria. Il Matera sale a 29 punti, al 6° posto, mentre l’Andria arriva a quota 25, in ottava posizione. Biancazzurri, ora, attesi dalla difficile trasferta di Catania, dove mancherà Piccinni che, diffidato, è stato ammonito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *