Ilva, accordo unitario sui contratti di solidarietà

E’ in fase conclusiva, la trattativa per la gestione della CIGS che l’azienda aveva richiesto per un massimo di 4.500 per il 2013 e 6500 lavoratori per il 2014.

La nostra azione ha consentito di scongiurare l’utilizzo della Cigs e la dichiarazione di esuberi utilizzando il ricorso ai Contratti di Solidarietà su base annua con verifica semestrale. Tale risultato consente di ridurre sostanzialmente i numeri complessivi dei lavoratori coinvolti a 3.749 per il 2013 e le per percentuali massime di riduzione di orario al 33% per ogni lavoratore coinvolto.

L’accordo prevede inoltre un protocollo di relazioni industriali che fissa un metodo volto ad una maggiore trasparenza e condivisione con un percorso periodico di verifica, in sede interministeriale (Welfare, Ambiente e Sviluppo Economico) dei passaggi relativi al monitoraggio della gestione dei contratti di solidarietà, del piano industriale e degli investimenti e degli interventi relativi alle opere di ambientalizzazione e riqualificazione industriale previsti dall’AIA. Le verifiche verranno svolte in sede sindacale nazionale trimestralmente e mensilmente a livello territoriale.

Marco Bentivogli – Segretario Nazionale FIM CISL

Sandro Pasotti – Coordinatore nazionale FIM CISL

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *