Ilva, per il ministro Clini sono pochi 146 milioni per risanare

”I 146 milioni di euro già stanziati servono solo per alcuni di questi interventi, sicuramente non coprono tutto il ciclo di investimenti necessari”. Lo afferma il ministro dell’Ambiente Corrado Clini, intervenuto ai microfoni di ‘Prima di tutto’ su Radio1, commentando gli impegni della proprietà dell’Ilva per la messa in regola dell’impianto di Taranto. “Ferrante ha detto che l’azienda vuole continuare a produrre a Taranto, e se vuole farlo gli investimenti sono necessari – ha spiegato il ministro – Gli interventi per eliminare il rischio ambientale a Taranto vanno fatti sugli impianti che in gran parte coincidono con l’ammodernamento delle tecnologie di produzione. Perciò sono cose che l’azienda deve fare anche per adeguarsi agli standard europei, non solo perchè noi glielo imponiamo”.

Poi, ha chiosato: “A inizio settembre c’è l’esame parlamentare del decreto, entro il 30 settembre nuova AIA. Riuscire a chiudere questa procedura in tempo sarà una corsa velocissima, per l’autorizzazione precedente ci sono voluti quattro anni e mezzo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *