Imparare schiacciando play, ASTM e le facoltà di Lettere realizzano con le scuole foggiane una piattaforma per educare con smartphone, tablet e videogame

Due fabbisogni concreti: quello espresso dall’Assoc iazione di promozione sociale “Mamapulia” che lavora sulla condivisione e la valorizzazione del p atrimonio culturale pugliese in Italia e all’estero come principale veicolo di conoscenza, formazione e cooperazione tra le culture; quello di due scuole foggiane dell’infanzia, elementare e medie – la “Santa Chiara – Pascoli – Altamura” e la “Foscolo – Gabelli. Un gruppo di quattro imprese ch e lavora sull’innovazione digitale e sulla formazione specialistica. Il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Foggia a fare da “chioccia” come organismo di ricerca. Non a caso sarà proprio l’Aula 1 della Facoltà di L ettere di UniFg, in Via Arpi 176, a ospitare domani, mercoledì 19 giugno, dalle ore 10, la parte nza del progetto “Play to be a player”, finanziato con il bando “Innolabs”, a valere sull’Azione 1.4.b “Supporto al la generazione di soluzioni innovative a specifici problemi di rilevanza sociale” del POR FESR-FSE 201 4-2020 della Regione Puglia. Il progetto punta a realizzare una piattaforma mult imediale multilingue, rivolta ai ragazzi di età compresa tra i 6 e gli 10 anni, che utilizzi video, giochi interattivi, letture, e-book, sussidi didat tici multilingue scaricabili e stampabili. L’idea è util izzare gli strumenti e i device che già esistono in casa e sono correntemente utilizzati dalle famiglie e dai bambini: collegati a una piatt aforma di educazione alla pro-socialità e di cosiddetto apprendimento cooperativo, diventeranno supporto per un’educazione giocosa ispirata a valori positivi in tema di interculturalità, ambien te, alimentazione, sesso, affettività, salute.
Al convegno di lancio del progetto partecipano il D irettore del Dipartimento di Studi Umanistici di UniFg Pierpaolo Limone, la Dirigente provinciale de ll’Ufficio Scolastico Regionale Maria Aida Tatiana Episcopo, Michele Baldassarre dell’Università di Ba ri, Giusi Antonia Toto dell’Università di Foggia, Arduino Valerio Tribuzio e Valentina di Cor cia di A.D.T.M., Amedeo Sciagura di Argomedia.it, Antonio Giannini di Alfa Consult, Vito Quarta di Progetto azienda, Mirk o Michele Notarangelo di Mamapulia, Gianfelice Boncristiano di MobileIdea, Maurizio All oggio dell’associazione IFun e Pietro Siciliano di InnovAAL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *