Inaugurato a Modugno un centro sociale per i diversamente abili

Una struttura attrezzata di oltre 400 mq, uno staff multidisciplinare, servizi e attività socio-educative, ricreative e terapeutiche: un centro polivalente a disposizione dei diversamente abili. Il nome è ‘Villaggio degli Eroi’, e la sua sede è a Modugno, in via Roma 93. L’inaugurazione è avvenuta ieri, con due open day, in cui il centro gestito dalle cooperative sociali Gea e Nympha si è presentato al territorio con un programma a base di laboratori d’arte e musicoterapia, chiusi da una festa con musica e balli. In tutto le attività hanno coinvolto circa cento persone, fra utenti e familiari.
A svolgere i laboratori la Scuola di Formazione in Arti Terapie Artedo Bari: nella stanza ‘Gialla’ protagonista è stata la sperimentazione della condivisione artistica e dell’esperienza; in quella ‘Azzurra’ ha avuto spazio il linguaggio non verbale dello strumentario Orff (metodo musicale semplificato); in quella ‘Arancio’, invece, il setting di condivisione artistica partendo dai propri disegni.
“L’approccio del Villaggio degli Eroi mira proprio al tessuto di relazioni e alla crescita personale, con l’obiettivo di promuovere attività e interventi mirati a contrastare l’isolamento e l’emarginazione sociale, promuovere l’autonomia e la valorizzazione delle persone, supportare le famiglie. E’ un luogo di sostegno, ospitale e familiare, di incontro e socializzazione, curato per garantire la serenità, il benessere e l’ascolto dei bisogni dei suoi ospiti. – ha spiegato Grazia Vulpis, presidente Gea.
Rivolgendosi a un bacino d’utenza di Modugno, Bari e comuni limitrofi, il centro offre stanze dedicate alle attività laboratoriali collettive, al refettorio, alle prestazioni del fisioterapista, e una zona ristoro. “Lo staff – continua Vulpis – composto da un coordinatore, psicologi, educatori professionali, animatori sociali, assistente sociale, tecnico della riabilitazione, operatori addetti all’assistenza, offre accoglienza diurna, di tipo semiresidenziale, per 12 ore al giorno, suddivise in fasce orarie. In base a singoli progetti individualizzati redatti dall’equipe per ciascun ospite (Progetto Educativo Individualizzato), organizza attività socio-educative, assistenziali e terapeutiche, laboratori ludico-ricreativi, di animazione, multimediali e di informatica, iniziative culturali ed eventi, attività artistico-espressive e psico-motorie, formazione lavorativa e professionalizzante, educazione alla fruizione di strutture e servizi presenti sul territorio”. Tra i servizi: sostegno psicologico e sociale, servizio riabilitativo, trasporto, mensa, servizio sociale professionale e segretariato sociale.  Per accedere al Centro, l’interessato o un suo familiare, può visitare la struttura previo appuntamento, e incontrare il coordinatore per un colloquio conoscitivo. Successivamente è possibile accedere al Centro in modo diretto con una richiesta privata o inoltrando richiesta alla Pua (Porta Unica di Accesso) del proprio comune di residenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *