Inaugurazione anno accademico UNIBAS: il migliore elemento distintivo è un’istruzione specializzata e qualificata

In occasione dell’apertura del XXXVI anno accademico dell’Unibas, la Magnifica Rettrice Aurelia Sole ha tenuto la sua annuale relazione, nella quale ha portato all’attenzione della comunità presente, lo snellimento dell’organizzazione universitaria al fine del contenimento dei costi, il consolidamento dell’offerta didattica, il miglioramento di servizi ed infrastrutture e l’esigenza, da parte delle autorità regionali, di dover integrare, al fine di contenere, le difficoltà economiche e strutturali del piccolo ateneo.

Tra le autorità presenti c’era il Consigliere Regionale Aurelio Pace, che ha particolarmente apprezzato gli interventi dei partecipanti, tra i quali ricordiamo il contributo del Rettore vicario dell’Università Sorbonne di Parigi, Pierre Bonin, che al Campus di Matera darà avvio al corso di studio per il rilascio del doppio titolo di primo livello in Storia dell’Arte e Archeologia ed operatore dei BB.CC.

“L’Università è sempre quello spazio privilegiato che forma le coscienze e le migliori professionalità, in difesa dei valori universali e per l’affermazione ed il consolidamento dei processi creativi e produttivi; uno spazio prezioso che va tutelato e vivificato, poiché rappresenta il protagonista dell’innovazione e della conoscenza, fattori strategici per lo sviluppo e la competitività”, ha esordito il Consigliere Pace.

In uno dei passaggi della sua relazione il Rettore Vicario della Sorbonne di Parigi ha ricordato l’importanza degli scambi culturali quale arma migliore possibile per arginare ogni forma di nazionalismo, populismo e ripiegamento identitario ed in relazione a questo il Consigliere Pace ritiene che la cultura rappresenta la più alta forma di emancipazione ed affrancamento per ogni popolo ed ha dichiarato che: “I benefici offerti da un’Europa dai confini cancellati, dalla presenza di un senso ampio d’appartenenza animato dalla solidarietà interculturale, dal multiculturalismo, dalla presenza di una storica tradizione democratica, rappresentano, per le nuove generazioni, un’opportunità senza pari, in un contesto politico nel quale s’immaginano confini chiusi e steccati elettrificati”.

Il Consigliere Pace ha concluso aggiungendo: “L’esigenza di alzare il livello d’istruzione dei nostri ragazzi è una priorità, soprattutto in tempi come questi nei quali si ascolta chi propone l’abolizione del valore legale della laurea. Occorre spiegare a chi immagina che l’aumento del livello d’istruzione sia un problema e non un’opportunità, in grado d’incidere sulle competenze e sul sistema produttivo, che gli investimenti in conoscenza generano, prima ancora del benessere, la consapevolezza: dei propri diritti, delle proprie opportunità, dei propri doveri, delle proprie potenzialità.  Se si vuole davvero cambiare, migliorandola, la società che ci accoglie, è necessario un rilancio che passi da un’istruzione specializzata e qualificata, che sappia distinguersi nel sistema produttivo culturale ed internazionale, evitando di ascoltare chi ha scelto di non fare dello studio lo strumento principe della forma più nobile e produttiva d’emancipazione e di successo”.

Consigliere Regionale Avv. Aurelio Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *