Inaugurazione Via Lucis parrocchia San Rocco a Matera

Mercoledì 19 marzo 2014 alle ore 18,30 presso la parrocchia di San Rocco a Matera sarà benedetta la Via Lucis realizzata e donata alla comunità materana dall’artista Vita Malvaso. La Via Lucis è composta da quattordici formelle in terracotta ceramicata che ripercorrono le stazioni della “via della luce”, il rito liturgico che rievoca i momenti più significativi della vita di Gesù, dalla sua Resurrezione alla Pentecoste. L’opera è stata realizzata in occasione del quarantottesimo anniversario della consacrazione a luogo di culto della chiesa di San Rocco, avvenuta il 19 marzo 1966 e la consegna della via Lucis avverrà nell’ambito della Visita Pastorale di Monsignor Salvatore Ligorio che coinvolge dal 16 al 22 marzo la parrocchia guidata da don Angelo Tataranni. L’itinerario della Via Lucis sarà posizionato in prossimità dell’ingresso della chiesa sul lato destro.

“La Via Lucis – spiega l’artista – indica la Resurrezione di Nostro Signore e per interpretare il significato divino di questo mistero ho preferito realizzare formelle in terracotta di uguale grandezza ma di forme diverse. Per realizzarle ho scelto la tecnica dell’ingobbio, che favorisce una maggiore consistenza dell’impasto in modo da dipingere liberamente lo strato in superficie. La cottura dei manufatti è avvenuta nel laboratorio di ceramiche a Grottaglie”.

Non è la prima volta che Vita Malvaso realizza un’opera di carattere artistico-religioso per donarla ad una parrocchia materana. Nel 2009 l’artista di origini grottagliesi e materana d’adozione aveva realizzato la Via Crucis e la Via Lucis per la parrocchia Maria Madre della Chiesa ubicata nel quartiere di Serra Rifusa.

Biografia Vita Malvaso

Nata nel 1947 a Grottaglie, in provincia di Taranto, dal 1970 vive ed opera a Matera dove ha insegnato disegno e storia dell’ arte presso il Liceo Scientifico “Dante Alighieri”.

Cresce artisticamente all’Accademia delle Belle Arti di Bari. Nelle sue opere è presente la tradizione delle botteghe di ceramica della natia Grottaglie, ma sono leggibili anche i paesaggi e la vita del vicinato nei “Sassi” di Matera.

Proseguendo nella ricerca e nell’uso dei molteplici linguaggi espressivi, l’artista spazia dalla pittura alla grafica, alla scultura, attuando una felice e originale mediazione fra la propria cultura d’origine pugliese con quella lucana, raggiungendo interessanti risultati.

Dal 1993 si dedica anche alla scenografia ed alla regia teatrale curando diversi spettacoli. Partecipa a diverse rassegne nazionali ed internazionali, realizza personali in numerose città italiane con notevole successo di critica e di pubblico, ottenendo premi e riconoscimenti .

Riviste d’arte si occupano della sua attività artistica, scrivono di Lei molti critici, storici e giornalisti tra cui: D. Trombadori (critico d’arte), P. Di Giammaria (giornalista rivista d’arte “Quadri e Sculture”), Mons. F. Conese (teologo e critico d’arte), M. C. Simotti (critico d’arte), B. Tragni (giornalista e scrittrice), G. Caserta (storico e critico letterario).

Nel 2005 inaugura la Galleria d’Arte Contemporanea CeMaCi sita in Via Rosario 43 nel suggestivo scenario dei Sassi di Matera, spazio concesso all’artista dal Comune di Matera dedicato all’esposizione permanente delle sue opere ma anche ad ospitare opere di altri artisti organizzando rassegne e collettive di pittura e scultura.

Nel 2010 per coronare i quarant’anni di attività artistica, presso la “Sala Carlo Levi” di Palazzo Lanfranchi a Matera, vengono esposte 50 opere d’arte selezionate con cura dall’ artista rappresentative dei vari periodi in cui si è sviluppata la sua arte.

Le prime opere degli anni ’70 ci mostrano figure realistiche dai profili poco delineati e dalle tonalità scure: paesaggi, contadini, animali, scorci dei Sassi abbandonati realizzati con tecnica mista che già rappresentano, in nuce, le caratteristiche originali del segno e del colore dell’artista.

Le opere degli anni ’80 privilegiano la ricerca di forme più definite e colori più chiari che danno vita a composizioni astratte perfezionando la tecnica olio su tela. Dagli anni ’90 si avverte una più matura padronanza e sicurezza nello stile ed il raggiungimento di una felice armonia con una linea e una gamma cromatica che avvolge le diverse campiture con colori più vivaci e solari che danno origine ad un vero e proprio movimento vivente. Negli anni più recenti l’Artista, sempre coerente al suo stile, con una linea più incisiva racchiude le figure dando una spiccata espressione alla Sua interiorità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *