InControCorrente, la nota dell’assessore Leo

InControCorrente, nella seconda tappa di Foggia, ha messo al centro il tema delle competenze applicate all’innovazione e all’internazionalizzazione nell’agroalimentare, evidenziando, così, la naturale vocazione del territorio foggiano. “Made in Puglia”, il secondo cantiere tematico dell’intervento sperimentale InControCorrente, partito lo scorso dicembre da Bari, intende innescare il meccanismo virtuoso dell’innovazione sul territorio pugliese, puntando su Foggia quale centro di propulsione.
Questa mattina ha avviato i lavori cui hanno preso parte anche il Rettore dell’Università di Foggia, Maurizio Ricci e l’assessore all’Agricoltura Leo Di Gioia, l’assessore con delega al Lavoro e alla Formazione della Regione Puglia, Sebastiano Leo, che così ha commentato l’iniziativa: “Il settore agroalimentare necessita di investimenti in competenze e innovazione, tanto di processo quanto di prodotto, perché la competizione non è locale, ma globale.
Proprio per questa ragione “Made in Puglia” ha un profilo internazionale: abbiamo voluto e lo abbiamo ottenuto grazie al supporto specialistico di Arti, puntare sulla partecipazione di relatori di fama nazionale e internazionale, con una forte capacità di innovare il settore agroalimentare allo scopo di fare di questo secondo cantiere tematico un’opportunità di contaminazione e conoscenza di buone pratiche già avviate altrove.
In questa due giorni, infatti – prosegue Sebastiano Leo – abbiamo previsto anche una competizione tra start up di tutto il mondo, “Agrofactor”, ad alto contenuto innovativo  nel settore, che sono state selezionate attraverso una call for solutions internazionale. Abbiamo così pensato di mettere in evidenza la carica innovativa di questa iniziativa. L’invito rivolto a start up innovative  proprie di questo settore, per le quali abbiamo voluto una giuria d’eccezione, fatta di innovatori e manager di successo, è il segno dell’attenzione della Puglia per tutto ciò che è innovazione e crescita consapevole.
La Puglia deve credere nella forza del settore agroalimentare quale vettore di sviluppo: l’agricoltura è un settore tradizionale che negli ultimi tempi ha, però, conosciuto un rinnovamento impetuoso, grazie all’insediamento di giovani agricoltori, capaci di applicare tecniche sempre più efficaci. I sistemi dell’istruzione e della formazione pugliesi – ha concluso l’assessore Leo – devono essere pronti per questa esigenza” Appuntamento a domani con la seconda giornata dei lavori, per guardare all’agricoltura come fattore di sviluppo locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *