Italia Viva di Massafra chiede all’Amministrazione Comunale di esporre sul Palazzo di Città di Massafra la bandiera della pace per rispondere all’appello di Papa Francesco affinché si fermino le armi in Ucraina

Molti amministratori pubblici di tutta Italia, tra cui il sindaco Lepore di Bologna tra le grandi città metropolitane, stanno aderendo all’appello di Papa Francesco «affinché si giunga subito al cessate il fuoco… tacciano le armi e si cerchino le condizioni per avviare negoziati capaci di condurre a soluzioni non imposte con la forza, ma concordate, giuste e stabili ».

«Mi affliggono i fiumi di sangue e di lacrime versati in questi mesi. Mi addolorano – ha affermato il Papa – le migliaia di vittime, in particolare tra i bambini, e le tante distruzioni, che hanno lasciato senza casa molte persone e famiglie e minacciano con il freddo e la fame vasti territori. Certe azioni non possono mai essere giustificate, mai! ».

Il nostro pensiero va ai civili, alle famiglie, ai bambini ( alcuni dei quali hanno trovato rifugio e accoglienza anche a Massafra)  che in queste ore vivono nel terrore sotto i missili dell’esercito russo. L’escalation militare tra Russia ed Ucraina ci sta conducendo ad un possibile conflitto nucleare, e questo va impedito.

Per questo motivo chiediamo che anche dal Palazzo di Città di Massafra sventoli la bandiera della pace coi colori dell’arcobaleno. Una scelta simbolica di condanna la guerra e la “risoluzione” delle diatribe attraverso le armi.

Un piccolo ma grande gesto per impegnarsi senza sosta per una soluzione diplomatica tra Russia e Ucraina e affermare una cultura di pace e dialogo tra i popoli.

                                                                                                                            ITALIA VIVA MASSAFRA
In allegato la Richiesta protocollata al Comune di Massafra: Richiesta di Esporre Bandiera della Pace a Massafra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *