L’Adiconsum mobilitata per far modificare il decreto legge sullo sviluppo

“Con la legge 108/96,  è stato introdotto, per varie categorie di credito, il tasso soglia oltre il quale scatta l’usura – ha commentato Marina Festa, Segretaria Provinciale dell’Adiconsum Cisl di Matera – che viene determinato dal tasso medio rilevato trimestralmente, dalla Banca d’Italia, maggiorato del 50%.

Ora il Decreto Legge sullo sviluppo ha modificato il citato tasso soglia di usura che viene calcolato aumentando il tasso medio rilevato del 25% con l’aggiunta di un ulteriore 4% e di un ulteriore incremento dell’8% rispetto al tasso medio”.

“Se fino ad ora – ha continuato Festa – il tasso soglia di usura riferito ad esempio all’apertura di credito di conto corrente fino a 5 mila euro  è del 16,55% ora con il nuovo decreto legge il tasso soglia di usura è del 19,31%”.

Questa l’elaborazione dei tassi di usura in base al nuovo decreto legge:

Categoria Classi di importo in euro tasso usura LEGGE 108/96 tasso usura – nuovo Decreto Legge
Apertura di credito in conto corrente fino a 5.000 16,65 19,31
oltre 5.000 13,63 16,59
Scoperti senza affidamento fino a 1.500 22,46 24,56
oltre 1.500 20,40 22,68
Anticipi, sconti commerciali fino a 5.000 8,94 12,37
da  5.000 fino a 100.000 9,20 12,60
Factoring oltre 100.000 5,78 9,52
fino a 50.000 7,61 11,16
oltre 50.000 5,36 9,14
Prestiti contro cessione del quinto dello stipendio e della pensione fino a 5.000 20,57 22,83
oltre 5.000 16,77 19,41
Leasing autoveicoli e aeronavale fino a 25.000 12,48 15,55
oltre 25.000 10,44 13,72
Credito finalizzato all’acquisto rateale fino a 5.000 17,90 20,43
oltre 5.000 15,59 18,35
Credito revolving Fino a 5.000 26,09 27,80
oltre 5.000 18,86 21,29
Mutui con garanzia ipotecaria Tasso fisso 7,02 10,64
Tasso Variabile 4,19 8,09

Adiconsum – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Vicario –  promotrice della L. 108/96 e concretamente attiva sul fronte dell’usura poiché gestisce con il riconoscimento del Ministero dell’Economia e delle Finanze il Fondo di prevenzione usura che aiuta le famiglie sovraindebitate, è disponibile alla revisione della Legge a condizione che le modifiche non siano misure “spot” o peggio, come in questo caso, un’ulteriore contropartita al sistema bancario.
Adiconsum chiede – prosegue Giordano – che le modifiche alla rilevazione dei tassi usura siano effettuate nell’ambito di un progetto complessivo di revisione che preveda: l’approvazione della legge per combattere il sovraindebitamento ferma in Parlamento da 10 anni, il rifinanziamento del Fondo per la sospensione delle rate e la sua estensione anche alle rate del credito al consumo, forme dedicate di accesso al credito per le famiglie meno abbienti, inasprimento delle pene per gli usurai, finanziamento certo e continuativo del Fondo di prevenzione usura e revisione complessiva della legge 108/96.
Adiconsum fin dai prossimi giorni si farà promotrice presso le associazioni che operano nella lotta all’usura per modificare le norme contenute nel DL sviluppo in via di emanazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *